menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Santa Sofia punta sulla "svolta verde" e inaugura una fontana 4.0

Hanno partecipato tra gli altri il sindaco Daniele Valbonesi, il consigliere regionale Lia Montalti e il presidente di Romagna Acque Tonino Bernabè

Una "fontana 4.0". Taglio del nastro sabato pomeriggio in Piazzale Karl Marx a Santa Sofia per la nuova Casa dell'Acqua realizzata da Romagna Acque, L'appuntamento è stato organizzato nell'ambito de "La Svolta Verde", un incontro su ambiente, green economy e lavoro al quale hanno partecipato tra gli altri il sindaco Daniele Valbonesi, il consigliere regionale Lia Montalti e il presidente di Romagna Acque Tonino Bernabè.

"Questo è un nuovo progetto - ha spiegato Bernabè -. Si tratta dell'evoluzione della fontana e delle case dell'acqua. E' un primo prototipo realizzato da Romagna Acque, più efficiente nella gestione anche da remoto. Ci sono tre bombole di Co2 al suo interno, che saranno sostituite con una frequenza più lunga. Inoltre ci sono tre bocchettoni: l'acqua naturale sarà gratuita, due litri di refrigerata avranno il prezzo di cinque centesimi al pari di quella gasata. E' la stessa che esce dai rubinetti di casa".

"E' un luogo adatto per l'installazione - ha evidenziato Valbonesi - perchè in questa area di forte valenza sociale ci sono un asilo nido, le scuole, una casa di riposo e la Protezione Civile. E' uno dei centri dove parte del paese si può ritrovare". Santa Sofia punta a divenire sempre più "Plastic Free" e la Casa dell'Acqua, ha puntualizzato Valbonesi, "potrebbe aiutare gli studenti ad eliminare l'uso della plastica".

Il sindaco ha rimarcato la "svolta ambientale" che sta vedendo impegnato la Regione Emilia Romagna insieme ai Comuni. "Serve un grande cambiamento e scelte drastiche", motivo per il quale ha firmato il manifesto presentato dal consigliere regionale Montalti riguardante "dieci impegni molto importanti" che non interessano solo temi ambientali, ma anche la green economy.

"Investendo sull'economia verde nei prossimi cinque anni in Emilia Romagna si potrebbero creare 200mila posti di lavoro, più dell'economia digitale", ha evidenziato Montalti. "L'ambiente può rappresentare anche aggregazione e comunità", ha proseguito il consigliere regionale, parlando inoltre di "grande opportunità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento