menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stroncato nuovo canale di droga: imprenditore trafficante, cameriere pusher

Individuato dagli agenti della Squadra Mobile di Forlì un nuovo canale di approvvigionamento di cocaina e marijuana. A gestirlo un incensurato albanese di 47 anni

Individuato dagli agenti della Squadra Mobile di Forlì un nuovo canale di approvvigionamento di cocaina e marijuana. A gestirlo un incensurato albanese di 47 anni, co-titolare di una ditta edile, arrestato mercoledì pomeriggio per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. La Polizia ha stanato l'extracomunitario dopo aver pedinato un cameriere forlivese di 43 anni, che si era appena rifornito di oltre due chili di marijuana.

Le indagini lampo, seguite dal sostituto procuratore Filippo Santangelo, sono iniziate martedì, quando la Sezione Narcotici della Squadra Mobile - diretta dal sostituto commissario Giovanni Neri - è venuta a conoscenza dell'imminente acquisto da parte del cameriere di un importante quantitativo di "maria". L'uomo è stato pedinato sino a quando ha incontrato il suo fornitore. Salito a casa di quest'ultimo, il cameriere ne è uscito con una sportina da supermercato.

Fermato nei pressi di piazzale Ravaldino, il forlivese ha affermato di aver solo una dose di marijuana. La sportina era nascosta nella sua vettura, tra diverse canne da pesca. All'interno vi erano due involucri sottovuoto contenenti un chilo ciascuno di "maria". In casa, da un armadietto posto nel terrazzo, sono spuntati altri 420 grammi della stessa sostanza. Trovati anche 300 euro, ritenuti provento dell'attività di spaccio.

Contemporaneamente gli agenti hanno seguito fino in un cantiere in via Lughese l'albanese. In casa aveva nascosto 7 grammi di cocaina suddivisi in nove dosi, sostanza da taglio, materiale da confezionamento, un bilancino di precisione e 1000 euro, somma che era servita al cameriere per pagare la droga. Per l'albanese l'accusa è di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, mentre il 43enne dovrà rispondere del capo d'imputazione di detenzione ai fini di spaccio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento