La "coca" arrivava dalla Lombardia: nell'auto due sassi stupefacenti da 10mila euro

Domenica sera, intorno alle 22.30, i detective di Corso Garibaldi hanno notato una "Audi A4" bianca che, uscita dal casello, ha tentato di sottrarsi al controllo della pattuglia

Gli agenti della sezione Antidroga della Squadra Mobile di Forlì, diretti dal sostituto commissario Giovanni Neri, hanno arrestato un 40enne di nazionalità albanese, già noto alle forze dell'ordine, ed una 23enne, entrambi disoccupati e residenti in provincia di Lodi, con l'accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Domenica sera, intorno alle 22.30, i detective di Corso Garibaldi hanno notato una "Audi A4" bianca che, uscita dal casello, ha tentato di sottrarsi al controllo della pattuglia.

Appena bloccata, la "coppia" ha riferito di aver avuto un tentennamento a causa della loro "clandestinità" in quanto lui sposato. A seguito di controlli dei dati anagrafici è emerso che l'uomo aveva precedenti legati al porto di armi abusive. I poliziotti hanno perquisito a fondo la vettura: nel tunnel del cambio vi era la presenza di tracce polvere bianca assai sospette. Dopo la rimozione di un pannello laterale della plancia è emerso un vano sopra la scatola dei fusibili dove era stata occultata una busta contenente due "sassi" di cocaina per un peso di 107 grammi.  

La successiva perquisizione domiciliare effettuata dagli agenti della Squadra Mobile di Lodi ha permesso di rinvenire all’interno di un garage del quarantenne due fucili da caccia rubati l'8 gennaio scorso dall’abitazione di un individuo che si trova a pochi chilometri dalla dimora dell’albanese. Per questo motivo è stato denunciato anche per ricettazione e detenzione abusiva di armi comuni da sparo.   

L’attività in questione rappresenta probabilmente l’esito di una serie di controlli che avevano portato gli investigatori a concentrarsi sulle aree periferiche della città dopo che nell’ultimo mese due individui erano stati denunciati ed altri due segnalati amministrativamente all'ufficio territoriale del Governo per possesso di modiche quantità ad uso personale di stupefacente del tipo cocaina. Il valore della droga sequestrata ammonta a circa 10mila euro. Il giudice ha convalidato gli arresti, disponendo la permanenza in carcere dell’albanese, mentre la donna è stata sottoposta all’obbligo di firma al'Ufficio di Polizia competente.

giovanni-neri-droga-2

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • 7 cose da fare in casa prima di partire per le vacanze: tu le hai fatte?

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Arriva al pronto soccorso e muore in poche ore, ucciso da una meningite fulminante

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Dipendente comunale ucciso dalla meningite fulminante, profilassi anche in alcuni uffici municipali

  • Feroce scazzottata in centro storico, ragazzo in coma al "Bufalini"

  • "Afferra i bambini e allarma le mamme": paura in centro. La polizia ferma un uomo

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

Torna su
ForlìToday è in caricamento