Prima litiga con un connazionale, poi lo deruba: rintracciato in viale Roma

Durante il servizio, intorno all'una di domenica, i militari hanno rintracciato e tratto in arresto un marocchino di  26 anni, disoccupato, con l’accusa di rapina e resistenza a pubblico ufficiale

Sabato sera i carabinieri di Forlì hanno eseguito un controllo straordinario del territorio. Durante il servizio, intorno all'una di domenica, i militari hanno rintracciato e tratto in arresto un marocchino di  26 anni, disoccupato, con l’accusa di rapina e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo, due ore prima, a seguito di un diverbio originato per futili motivi in via Luciano Lama, aveva rapinato un connazionale di 42anni, al quale, dopo averlo menato, aveva rubato il portafoglio con 70 euro, fuggendo a piedi. 

I Carabinieri intervenuti , chiamati da passanti ai quali la vittima aveva chiesto aiuto, dopo aver raccolto la descrizione dell’autore, hanno esteso le ricerche a tutte le pattuglie in servizio  una delle quali lo ha rintracciato in via Roma, all’altezza dell’incrocio con via Bidente. Nonostante la resistenza opposta, i militari, dopo averlo neutralizzato, lo hanno arrestato, recuperando il maltolto. Il 26enne è stato associato presso la Casa Circondariale di Forlì a disposizione del giudice.

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • 7 cose da fare in casa prima di partire per le vacanze: tu le hai fatte?

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Arriva al pronto soccorso e muore in poche ore, ucciso da una meningite fulminante

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • Dipendente comunale ucciso dalla meningite fulminante, profilassi anche in alcuni uffici municipali

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento