rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Alluvione, la ricostruzione

Quasi un anno dall'alluvione, in provincia la ricostruzione costa 66 milioni di euro: "Non ci siamo mai fermati"

Bonaccini e Priolo: "Non ci siamo mai fermati, il ritorno alla normalità è la nostra priorità". In Regione attivati oltre 400 cantieri

Dai primi interventi urgentissimi sugli argini dei fiumi ai lavori di consolidamento dei versanti in dissesto a ridosso degli abitati, fino al miglioramento delle condizioni di deflusso dei corsi d’acqua. Si continua a lavorare senza sosta nei territori colpiti dall’alluvione dello scorso maggio: nel complesso, sono 402 i cantieri in capo all’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile che interessano le province colpite di Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini, Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia. Di questi, 130 sono già stati completati, 158 quelli in corso e 114 in progettazione. Il tutto per un investimento totale di circa 343 milioni di euro, tra somme urgenze, urgenze, programmazione regionale anticipata e programmazione da altre fonti. A poche settimane dal primo anniversario dai drammatici fatti del maggio 2023, oggi in Regione è stato fatto il punto su undici mesi di lavoro non stop per la messa in sicurezza del territorio.

Leggi le notizie di ForlìToday su WhatsApp

“Manca poco, ormai, al primo anniversario dell’alluvione- sottolinea il presidente Stefano Bonaccini-. Se il primo pensiero va alle vittime, l’unico aspetto irreparabile di questa tragedia, i numeri che presentiamo dimostrano che il lavoro delle strutture regionali non si è mai fermato. La ricostruzione e la messa in sicurezza vanno avanti giorno per giorno da undici mesi grazie allo straordinario lavoro senza sosta di donne e uomini, professionisti al servizio delle nostre comunità, in stretta e positiva collaborazione con la Struttura commissariale e tutte le istituzioni coinvolte. Non mi stancherò mai di ripetere quanto abbiamo ribadito fin da subito: la Regione non farà un passo indietro fino a quando la ricostruzione non sarà completata al 100%. Una ricostruzione che sarà necessariamente diversa e che porteremo avanti insieme ai territori, con un preciso impegno: nelle zone alluvionate non si costruirà più, è la lezione che dobbiamo imparare da questo dramma. Al tempo stesso continuiamo a chiedere al Governo di sbloccare i rimborsi per i beni mobili: è assurdo che dopo quasi un anno il loro risarcimento non sia previsto dalle norme”.

“Mentre i cantieri proseguono spediti, stiamo lavorando con l’Autorità di Bacino distrettuale del fiume Po, insieme a tutti i componenti dei gruppi di lavoro dei Piani speciali, per mettere a punto una nuova visione strategica con interventi, strutturali e non, basati sull’analisi puntuale degli eventi dello scorso maggio e delle trasformazioni che ne sono conseguite- afferma la vicepresidente della Regione con delega alla Protezione civile, Irene Priolo-. Questo richiederà, naturalmente, che i Piani vengano finanziati e i territori accompagnati nella definizione delle nuove strategie per il futuro di queste aree”.

Aste fluviali, i quattro video

Sul sito della Regione dedicato all’alluvione (https://www.regione.emilia-romagna.it/alluvione), e su Lepida TV, quattro nuovi video raccontano i lavori sulle aste fluviali di altrettanti corsi d’acqua romagnoli – Santerno, Senio, Lamone e Montone – con la voce dei tecnici dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile presenti direttamente nei cantieri.

Sul Santerno si è intervenuti su diversi tratti e in diversi momenti, a partire dalle maggiori criticità, con il ripristino dei rilevati arginali, nella zona tra Sant’Agata e a valle di Ca’ di Lugo, per poi spostarsi nei tratti più a monte. Nel complesso, lungo l’asta fluviale sono conclusi o in corso 18 interventi per 29,7 milioni di euro; a questi se ne aggiungono altri cinque in fase di avvio/progettazione, che portano il totale a 34,2 milioni di euro.

Dopo gli eventi di maggio sul Senio sono stati fatti diversi interventi di somma urgenza, soprattutto nella parte pedecollinare (a monte di Castel Bolognese), e riprese le lesioni sui corpi arginali nelle aree a valle (zona di Cotignola). Nel complesso, lungo l’asta sono conclusi o in corso 11 interventi per quasi 7 milioni di euro, a cui se ne aggiungono altri sei in fase di avvio/progettazione, che portano il totale a 14,9 milioni di euro.

Da monte, e dunque da Brisighella, fino alla foce: il Lamone ha subito grossi danni lungo tutto il corso, in particolare a Faenza e Bagnacavallo. I cantieri hanno permesso la ricostruzione di argini e golene. Nel complesso, lungo l’asta sono conclusi o in corso 18 interventi per oltre 23,5 milioni di euro, a cui se ne aggiungono altri nove in fase di avvio/progettazione, che portano il totale a 27,2 milioni di euro.

Sul Montone gli interventi si sono susseguiti su tutto l’alveo, da monte a valle, e cioè dal crinale appenninico ai tratti arginati di pianura; va segnalato un intervento di somma urgenza a San Benedetto in Alpe, dove un’ampia frana ha occluso l’alveo del corso d’acqua. Nel complesso, sul Montone sono conclusi o in corso 13 interventi per oltre 8 milioni di euro. A questi se ne aggiungono altri nove in fase di avvio/progettazione, che portano il totale a più di 18 milioni di euro.

La mappa online

I cantieri, con il relativo stato di avanzamento, online. Al seguente link è disponibile il WebGis elaborato dalla Regione Emilia-Romagna con l’obiettivo di informare sugli interventi realizzati, in corso o in attivazione (finanziati con ordinanze del Commissario straordinario) per ripristinare le opere di difesa idraulica, del suolo e di bonifica. Interventi attuati dall’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, dall’Agenzia interregionale per il Fiume Po e dai Consorzi di Bonifica.

A Forlì-Cesena

Gli interventi di somma urgenza
I 14 cantieri attivati in somma urgenza dopo gli eventi alluvionali di maggio dall’Ufficio territoriale di Forlì-Cesena dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, per un importo totale di circa 13 milioni e 600mila euro, sono già stati tutti conclusi. Sono stati finanziati attraverso fondi dell’Agenzia regionale, provenienti dall’ordinanza del capo Dipartimento della Protezione civile 992/2023, o inseriti nell’elenco dell’ordinanza 6 del Commissario straordinario per la ricostruzione. 

Gli interventi urgenti 
A questi si aggiungono altri 19 interventi, per un valore di 28 milioni e 750mila euro, tutti in progettazione tranne uno che è partito questa settimana, del valore di 500mila euro nel comune di Galeata; intervento necessario a causa della riattivazione di un movimento franoso che ha coinvolto un pendio adiacente al giardino di una scuola primaria. A questi 19 cantieri se ne aggiungono ulteriori 4 per 3 milioni e 970mila euro, finanziati dall’ordinanza 15. Di questi, uno, del valore di 650mila euro, è stato avviato in somma urgenza e riguarda il ripristino del sistema di difesa del fiume Savio nei comuni di Bagno di Romagna, Sarsina e Verghereto. 

Tutti questi interventi urgenti hanno diversi obiettivi: completamento degli interventi in somma urgenza già attivati; miglioramento della stabilità e resistenza dei corpi degli argini e delle sponde con ripristino della transitabilità; riprofilatura delle sezioni di deflusso per garantire il contenimento delle acque di piena anche attraverso interventi di gestione della vegetazione nel reticolo idrografico, con e senza argini; ripristino delle condizioni di stabilità e funzionalità di opere idrauliche danneggiate, sistemazione di aree in dissesto e consolidamento abitati. 

Programmazione anticipata. Cantieri in fase di avvio 
Un intervento, finanziato con 1 milione di fondi Pnrr, riguarda i comuni di Civitella di Romagna, Santa Sofia e Verghereto per il consolidamento e la riduzione del rischio idrogeologico di alcuni pendii in abitati da consolidare, in aree a rischio frana e in strade provinciali interessati da dissesti che mettono a rischio la pubblica incolumità. Un altro, da 500mila euro sempre di fondi Pnrr, riguarda Forlì-Cesena e altri comuni per la manutenzione straordinaria delle arginature e la messa in sicurezza lungo i corsi d’acqua dei bacini idrografici del comprensorio forlivese e cesenate. Infine, ancora con finanziamenti Pnrr, altri due interventi: il primo sui fiumi Montone, Ronco, Bevano nei comuni di Bertinoro, Forlì e Forlimpopoli per la sistemazione degli argini da 1,5 milioni di euro; il secondo da 500mila euro sul Rubicone nel comune di Savignano per il consolidamento delle difese idrauliche e i rialzi arginali. Un intervento sui fiumi Montone e Ronco-Bidente nei comuni di Bertinoro, Forlì e Meldola per la manutenzione straordinaria da 365mila euro. A Premilcuore, nel versante del fiume Rabbi, è previsto un ripristino da 300mila euro per consolidamento e mitigazione del rischio idrogeologico. Infine, la messa in sicurezza dei corsi d’acqua nel forlivese per 500mila euro. 

Programmazione anticipata 
Ci sono, inoltre, 8 interventi per 1 milione e 344mila euro della programmazione regionale o di altre risorse straordinarie di Protezione civile, anticipate e già attivate. Di questi, 7 sono sostanzialmente conclusi. A completare il quadro si unisce la programmazione dei fondi Pnrr, Fsc e dei fondi della programmazione regionale a valere sul 2024 e il 2025 (19 interventi per quasi 17 milioni di euro).

In totale, parliamo di 53 interventi per 66 milioni e 630mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quasi un anno dall'alluvione, in provincia la ricostruzione costa 66 milioni di euro: "Non ci siamo mai fermati"

ForlìToday è in caricamento