menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Violenta aggressione in strada, spuntano anche un coltello ed una spranga: un arresto

L'episodio si è consumato domenica sera e si è concluso con l'arresto di un forlivese di 40 anni, già noto alle forze dell'ordine per numerosi precedenti, in particolare per rissa

Le luci blu delle Volanti dell'Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Forlì si sono attivate dopo una serie di segnalazioni. Un giovane di colore inseguito da due soggetti armati di sbranga e coltello. L'episodio si è consumato domenica sera e si è concluso con l'arresto di un forlivese di 40 anni, già noto alle forze dell'ordine per numerosi precedenti, in particolare per rissa. Quanto accaduto è ancora in fase di ricostruzione al personale degli uffici di Corso Garibaldi. Nel mirino dei due soggetti era finito un cittadino ghanese, che nell'aggressione ha riportato ferite giudicate guaribili dai sanitari dell'ospedale "Morgagni-Pierantoni" in 30 giorni.

I fatti si sono verificati nei pressi di via Dei Mille e via Dei Girolamini. Non sono chiari ancora i motivi che hanno scatenato il pestaggio. Fatto sta che diversi cittadini hanno notato il malcapitato inseguito da due individui per una trentina di minuti. La Polizia ha rintracciato gli aggressori, individuandoli mentre stavano litigando tra loro. Alla vista delle Volanti si sono liberati del coltello e della mazza. Durante l'identificazione il 40enne ha manifestato segni di insofferenza, prima spogliandosi e poi cercando di sottrarsi al controllo, tentando la fuga. Uno dei poliziotti si è posto all'inseguimento, riuscendo ad afferrarlo ad un braccio. L'individuo ha reagito, colpendo l'agente alla fronte (al pronto soccorso gli è stata riscontrata un'escoriazione con 4 giorni di prognosi).

Alla fine il delinquente è stato arrestato con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale, aggravata dalle lesioni e denunciato a piede libero con l'accusa di lesioni aggravate e porto di strumenti atti ad offendere in concorso con l'altro soggetto, un romeno. Lunedì è comparso davanti al giudice per il processo per direttissima. Il giudice ha convalidato l'arresto, condannandolo con rito abbreviato ad un anno, due mesi e 26 giorni di reclusione, disponendo la misura cautelare dell'obbligo di dimora e il divieto di allontanarsi dalla abitazione dalle 19 alle 7. Anche il secondo aggressore è dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso. Nel frattempo le indagini proseguono per chiarire i contorni della vicenda. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento