Cronaca

Tempo di allergie: in diminuzione la concentrazioni dei pollini di pino, quercia e olivo

Nei prossimi giorni, si legge nel bollettino, "si prevede ancora una significativa presenza pollinica di graminacee su tutta la regione"

Durante il mese di maggio non si sono registrati superamenti relativi all'ozono, nonostante l'aumento delle temperature. E' quanto emerge dal bollettino dell'Arpae dell'Emilia Romagna per il territorio di Forlì, specificando che "le polveri si sono abbassate ulteriormente e per tutto il mese i valori sono stati abbondantemente al di sotto dei limiti di legge. Tutti gli altri inquinanti si sono mantenuti entro i limiti". Qualche problema per gli allergici

"Le fioriture di maggio sono state abbondanti con presenza di numerosi frassini, querce, faggi e graminacee e l'inizio della fioritura dell'ulivo negli ultimi giorni del mese - spiega l'Arpae -. Nel mese di giugno permarranno ulivo, graminacee e inizieranno le fioriture dei castagni". Tramite il Bollettino qualità dell´aria per la provincia di Forlì-Cesena è possibile rimanere aggiornati sulla situazione giornaliera degli inquinanti nella nostra Provincia.

Tutti gli allergici interessati anche alla situazione pollinica in provincia possono visualizzare i bollettini settimanali nella pagina dedicata alla rilevazione settimanale di pollini e spore. Nei prossimi giorni, si legge nel bollettino, "si prevede ancora una significativa presenza pollinica di graminacee su tutta la regione, seppur limitata dalle previste precipitazioni. Le concentrazioni dei pollini delle piante arboree (pino, quercia e olivo) sono previste in ulteriore diminuzione. Le spore di Alternaria sono invece previste in aumento".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tempo di allergie: in diminuzione la concentrazioni dei pollini di pino, quercia e olivo

ForlìToday è in caricamento