menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un calendario benefico nel ricordo di Francesco Giuliari

In occasione delle festività 2012-2013, Laura Coppi, moglie del maestro Francesco Giuliari, in collaborazione con la Tipografia Valbonesi di Forlì, ha realizzato un calendario a scopo benifico

2-In occasione delle festività 2012013, Laura Coppi, moglie del maestro Francesco Giuliari, in collaborazione con la Tipografia Valbonesi di Forlì, ha realizzato un calendario a scopo benifico. Le immagini che illustrano i mesi del 2013 sono state tratte da opere del grande pittore, scomparso il 15 marzo 2010, e accompagnate da versi poetici dello stesso Giuliari.I proventi realizzati dalle vendite dei calendari saranno devoluti alla comunità di Sadurano.
 
Pittore e poeta, d'origine veneta ma forlivese d'adozione, Francesco Giuliari ha lasciato un segno indelebile per le sue doti di artista di profonda cultura e rara maestria tecnica e per l’umanità che lo caratterizzavano. Nato nel 1929, laureato in Storia dell'arte, fino al 1990 ha insegnato all'Accademia di Belle Arti di Verona. Nel corso della sua lunga carriera artistica ha esposto in numerose mostre personali e infinite collettive, sia in Italia sia all'estero. Oltre che con pennelli e colori Francesco (specie negli ultimi anni della sua vita) si divertiva a giocare con le parole. "Sa figurarci l'icone e cura significarlo" è il doppio anagramma che aveva realizzato col suo nome e cognome e che era diventato un po’ il suo motto artistico: egli era infatti capace di raffigurare icone e aspirava a dar loro un significato. Tra il 2008 e il 2009, quando non riusciva più a dipingere perché anche la vista lo stava abbandonando, Francesco diede alle stampe tre raccolte di versi (Momenti, Note per la notte e Briciole sparse) nelle quali le parole si erano sostituite al segno e ai colori per creare ritratti, paesaggi e sensazioni. Per sottolineare, per non dimenticare.

Attivo nel tessuto associazionistico forlivese, Francesco era amato e stimato da tutti per la bontà, l’intelligenza, la disponibilità, la signorilità e per il suo interesse verso tutti i linguaggi artistici, compresa la musica e la poesia, suo ultima grande passione dopo la pittura.

Pochi mesi prima della sua scomparsa, con la mostra antologica dal titolo “Citazioni”, tenutasi dal 12 settembre al 25 ottobre 2009 presso la Residenza della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, la città aveva voluto rendere omaggio alla lunga e affascinante attività di un artista che aveva dedicato tutta la propria vita a ribadire la grande tradizione figurativa italiana. Il gusto per la citazione che lo contraddistingueva rimandava ai grandi della storia dell’Arte, dall’età classica e rinascimentale fino al primo Novecento (Pontormo, Piero della Francesca, Caravaggio, Canova, Felice Casorati,…), da lui rivisitati in chiave moderna, in modo estremamente personale. La sua pittura era una pittura “classica” perché fuori dal tempo, caratterizzata da uno stile che affondava le radici nell’intima conoscenza dell’arte dei maestri del passato.
 
Il calendario può essere acquistato con un'offerta minima di euro 5,00 presso i seguenti punti:
Associazione Amici di Sadurano - Via Dandolo n.18 - Forlì - tel.0543 21900
Bottega di Sadurano - V.le dell'Appennino n.228 - Forlì - tel. 0543 552225
Centro Salus a Sadurano - Via Sadurano n.47 - Castrocaro Terme - tel. 0543 766643 int.5
Ristorante in Fattoria  a Sadurano - Via Sadurano n.59 - Castrocaro Terme - tel.0543 767657

 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento