Politica

8 maggio, il d-day di Mercurio: manifestazione di protesta davanti ai varchi

All'iniziativa aderiranno le forze del centrodestra, Forza Italia e Fratelli d'Italia, ma, spiega l'esponente del Carroccio, "ci sono altri che sostengono questa presa di posizione e che hanno già detto di associarsi all’iniziativa della Lega"

L'8 maggio, il giorno che entrerà in funzione Mercurio, il sistema di controllo degli accessi in centro a Forlì, la Lega con il consigliere Daniele Mezzacapo, ha organizzato una manifestazione di protesta davanti ai varchi. L'ha annunciato lo stesso Mezzacapo in Consiglio comunale giovedì pomeriggio. All'iniziativa aderiranno le forze del centrodestra, Forza Italia e Fratelli d'Italia, ma, spiega l'esponente del Carroccio, "ci sono altri che sostengono questa presa di posizione e che hanno già detto di associarsi all’iniziativa della Lega".

"E' incredibile - dice il consigliere comunale della Lega Daniele Mezzacapo - come l'amministrazione comunale di Forlì possa avere pensato di installare le telecamere per controllare gli accessi in centro e multare i cittadini che vi affluiscono. Uno dei problemi più gravi di Forlì è proprio quello della desertificazione del cuore della città. Invece di proporre qualcosa per rilanciare il centro, dall'8 maggio con il sistema Mercurio funzionate, e non più in fase sperimentale, dai varchi arriveranno multe a raffiche. Inoltre le telecamere scoraggiano molti cittadini, confusi, che pur di non rischiare di prendere una multa si guardano bene dall'avvicinarsi a Piazza Saffi. Credo proprio che manchi il buon senso, non vorrei che dietro a questa 'genialità' ci fosse pure del dolo, altrimenti non si spiega perché a un morente, come il centro, gli venga somministrato del cianuro".

Mezzacapo,ha organizzato la manifestazione di protesta aperta a tutti e dà appuntamento ai cittadini comuni, alle associazioni, ai commercianti. "E’ una manifestazione pacifica - dice il consigliere - è una iniziativa per la città, che cerca di fare capire quanto è grande il malcontento di tutti. Vorremmo fare capire a questa Giunta il grave errore. Vorremmo facesse qualcosa per incentivare i flussi in piazza, ma anche nelle vie adiacenti come Corso Mazzini, Corso Diaz e via delle Torri. Via Giorgio Regnoli si è un pò risollevata grazie a dei privati cittadini e alle loro iniziative tenaci, ma non deve abbassarsi l’attenzione ad una via che ha ancora bisogno perché rischia di prendere nuovamente una brutta china. I commercianti del centro sono costretti a chiudere le attività. Ci sono sempre più negozi sfitti. L'economia cittadina sta morendo e ora il colpo di grazia con l'arrivo di Mercurio. Se nella prossima legislatura riusciremo a mandare a casa questi amministratori che hanno fatto solo disastri, la prima cosa che faremo è spegnere le telecamere delle multe. Le terremo accese solo per dare un contributo alla sicurezza". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

8 maggio, il d-day di Mercurio: manifestazione di protesta davanti ai varchi

ForlìToday è in caricamento