Di Maio: "Sì alla nuova Ravegnana, ma bisogna intervenire anche sul tratto montano"

Lo afferma il deputato romagnolo Marco Di Maio, a proposito della discussione in atto sull'ammodernamento della Ss67 nel tratto tra Forlì e Ravenna

"Realizzare un nuovo collegamento tra Forlì e Ravenna è fondamentale; ma nel momento in cui con Anas si riapre il capitolo della Ss67 (che prende il nome di 'Ravegnana', ma è la strada statale 67 "Tosco-Romagnola"), è doveroso affrontare anche l'ammodernamento del tratto che va fino al Muraglione. Per dare una mano alla vallata del Montone e per rendere più efficiente il collegamento tra Romagna e Toscana: con tutte le opportunità che questo comporta". Lo afferma il deputato romagnolo Marco Di Maio, a proposito della discussione in atto sull'ammodernamento della Ss67 nel tratto tra Forlì e Ravenna.

"Prendere in mano questo argomento è un dovere nei confronti dei comuni della vallata del Montone - afferma -; sistemare quell'arteria stradale serve a dare una mano alle attività ubicate su quel territorio, a rendere più efficienti i collegamenti e la vita di quelle comunità; e, in ultima istanza, a migliorare la relazione con il versante toscano". 

"Per compiere dei significativi passi avanti - prosegue Di Maio - non è necessario riprendere i progetti mastodontici del passato, ma verificare gli interventi minimi che possono essere fatti per riqualificare la Ss67. E va stabilito che questo intervento, tra le strade di competenza statale che insistono sul territorio, è una priorità per la provincia e per la Regione. Se faremo questo, allora arriveranno anche i soldi per realizzare gli investimenti". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In ogni caso - conclude il parlamentare, capogruppo in Commissione Affari costituzionali alla Camera - è necessario avere pronto un progetto che sappia intercettare i canali di finanziamenti già esistenti e quelli futuri: perchè i fondi che arriveranno in Italia grazie al piano europeo "Recovery plan" saranno un'opportunità che per essere colta richiede che i territori abbiano pronti dei progetti. E questo è sicuramente uno di quelli su cui puntare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Forlì spiccherà il volo verso Spagna, Germania e Ungheria: ufficializzata la terza compagnia

  • La Juventus di Cristiano Ronaldo atterra all'aeroporto Ridolfi di Forlì

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

  • Due morti e un nuovo picco di contagiati nel Forlivese, altri due casi in più alla "San Camillo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento