Martedì, 16 Luglio 2024
Politica

Electrolux, la Fiom replica alla Cisl: "Preferiscono la polemica"

Per Cotugno le affermazioni "rischiano di far perdere di vista il reale baricentro della vicenda"

Giovanni Cotugno, segretario generale della Fiom-Cgil di Forlì, replica al rappresentante della Fim-Cisl Gianluca Camerani, che venerdì ha manifestato il suo pensiero in merito al ruolo della Fiom-Cgil all'interno dell'Electrolux. Per Cotugno le affermazioni "rischiano di far perdere di vista il reale baricentro della vicenda, e cioè  che l'importante mobilitazione dei lavoratori Electrolux che, in questo caso a centinaia, hanno scioperato rimettendoci di tasca loro per difendere il principio che un lavoratore con problemi di salute non possa essere licenziato adducendo come scusa il fatto che non ci sia posto per lui e per evitare la creazione di un precedente pericoloso soprattutto in una fabbrica dove i lavoratori con problematiche di salute, anche per le condizione dure di lavoro, sono oltre il 30%".

"Qualche giorno fa il lavoratore è stato reintegrato, anche grazie agli scioperi che hanno determinato un'attenzione  sulla vicenda, creando le condizioni che hanno portato al suo reintegro - prosegue il segtetario generale della Fiom-Cgil -. Risultano davvero fuori luogo le affermazioni vergognose circa lo sciopero come strumento per accorciare la giornata. Lo sciopero ha un costo, come sanno tutti coloro che ne hanno mai fatto uno, e pensare che tutti coloro che hanno aderito siano “politicanti” è frutto di una concezione di sindacato che perde la volontà di incidere, se necessario anche con le lotte, sulle vicende che riguardano chi dovrebbero rappresentare".

"Ad ogni modo la reazione di un “Sindacato moderno” di fronte al fatto che questa volta -e non capita spesso- le lotte degli operai Electrolux hanno determinato un risultato, seppur ancora da implementare, non dovrebbe essere quella di polemizzare e di denigrare i propri colleghi, ma di valorizzare questo fatto. La Fim-Cisl evidentemente non la pensa così. Ce ne eravamo già fatti una ragione - conclude -. Per quanto ci riguarda la Fiom-Cgil continuerà ad opporsi in tutti i modi al peggioramento delle condizioni di chi lavora e, laddove necessario, continuerà a scioperare per migliorare le condizioni di chi vive in fabbrica".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Electrolux, la Fiom replica alla Cisl: "Preferiscono la polemica"
ForlìToday è in caricamento