menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza sanitaria, Pd, Forlì & Co. e Italia Viva chiedono un consiglio comunale straordinario

I gruppi consigliari di centro-sinistra, Pd, Forlì & Co e Italia Viva chiedono un consiglio comunale straordinario per affrontare nell'assise i temi connessi all'emergenza del Coronavirus

I gruppi consigliari di centro-sinistra, Pd, Forlì & Co e Italia Viva chiedono un consiglio comunale straordinario per affrontare nell'assise i temi connessi all'emergenza del Coronavirus. Spiega il gruppo Pd: “Abbiamo formalizzato la richiesta di convocazione di un Consiglio comunale straordinario riguardo alla crisi in corso presso la Zangheri, una vicenda che riguarda l'intera città, preoccupata per quanto sta accendendo nella struttura e, purtroppo, ancora priva di risposte da parte dell’Amministrazione. Crediamo che i cittadini non debbano rimanere all'oscuro - proseguono i consiglieri Pd - e che il consiglio comunale sia la sede istituzionale più opportuna per consentire alle forze politiche di portare il loro contributo e all'amministrazione di fare chiarezza”.

“Al riguardo, non è sufficiente - concludono i consiglieri PD - la proposta del Sindaco di istituire, ad oltre due mesi dall'insorgenza della crisi sanitaria, un tavolo permanente con un rappresentante di ogni forza politica. Una proposta da noi più volte sollecitata e a cui senz’altro aderiamo, ma giunta tardivamente e, di fatto, inidonea a fornire ai cittadini le risposte ai loro tanti interrogativi rispetto all'emergenza in essere in Città e presso la Zangheri”.

Forlì & Co aggiunge che “la nostra richiesta origina dalla necessità di dare risposta alle comprensibili preoccupazioni di moltissimi cittadini -familiari degli operatori e degli ospiti della Zangheri e di altre RSA e strutture protette del territorio- e di affrontare la problematica della protezione di lavoratori e anziani dal pericolo del contagio in maniera trasparente e nelle sedi istituzionali opportune, ponendo fine ad una situazione segnata da un succedersi di comunicazioni tardive, confuse e contraddittorie che hanno generato solo allarme nell'opinione pubblica.
Riteniamo inoltre che il Consiglio comunale debba diventare la sede per definire, con la massima urgenza e la collaborazione di tutti i soggetti interessati, interventi ed azioni adeguate alla grave situazione che si è determinata. A tale scopo, riteniamo indispensabile che il Consiglio si svolga con la partecipazione di rappresentanze dell'USL, della casa di riposo Zangheri, delle Organizzazioni e del Distretto socio-sanitario. Vista l'urgenza dei temi e la grandissima attenzione dei cittadini per la vicenda, chiediamo che la Presidenza del Consiglio comunale convochi immediatamente il Consiglio”.

Infine anche il consigliere Massimo Marchi: "Italia Viva chiede che si svolga al più presto un Consiglio Comunale dedicato solo alla crisi sanitaria, sociale ed economica che la città di Forlì - come tutto il Paese - sta vivendo. Abbiamo ritenuto profondamente sbagliato che si sia utilizzato l'ultimo Consiglio solo per parlare di Unione dei Comuni, un tema divisivo e non urgente, gettando quella circostanza per affrontare un dibattito necessario sulla situazione di tutte le strutture socio-assistenziali, sulla situazione sanitaria, sulle misure a sostegno del nostro sistema economico, sugli investimenti da programmare e sul futuro della città e del territorio". Così il consigliere comunale Massimo Marchi, a margine della Conferenza dei capigruppo che si è riunita sabato mattina.

"Ho ribadito, come avevo già detto al consiglio del 6 aprile, che noi vogliamo un Consiglio straordinario per affrontare questi punti - spiega Marchi - non possiamo restare inermi e soprattutto il Sindaco e la Giunta non possono tagliare fuori dalla discussione e dalle decisioni l'organo rappresentativo di tutti i forlivesi. Abbiamo apprezzato il resoconto anche se tardivo del Sindaco. Ci auguriamo però che, dopo l'occasione persa con l'ultimo Consiglio Comunale, ci sia la volontà questa volta, di ascoltare le buone idee anche se provenienti da forze politiche non la pensano come il Sindaco".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento