Politica

"Islam da bonificare", continua la polemica: "Un monito al fondamentalismo", "No, cultura colonialista"

Dibattito politico infuocato sulla presa di posizione della Presidente della commissione Pari Opportunità del Comune di Forlì Marinella Portolani sul caso di Saman

Dibattito politico infuocato sulla presa di posizione della Presidente della commissione Pari Opportunità del Comune di Forlì Marinella Portolani sul caso di Saman, la giovane su cui si indaga col sospetto che sia stata uccisa dalla famiglia per aver rifiutato un matrimonio combinato. Portolani ha usato le stesse parole del Popolo della famiglia, parlando della necessità di un "processo di bonifica della religione islamica", sollevando le reazioni del Pd e di Articolo Uno che ne hanno chiesto le sue dimissioni

A difendere la consigliera comunale sono i gruppi consigliari di Forza Italia e Fratelli d'Italia - Giorgia Meloni: "Ancora una volta prendiamo atto del vero volto del Pd forlivese. In commissione Pari Opportunità, mentre si stava esprimendo con molta naturalezza un sentimento di solidarietà nei confronti della giovane Saman Abba attraverso un monito severo al fondamentalismo islamico che questi atteggiamenti persecutori li perpetua in tutto il mondo, il Pd è intervenuto stigmatizzando una frase estrapolata dal contesto di un comunicato stampa del Popolo della Famiglia che in sintesi richiamava la necessità di bonificare queste gravi situazioni di violenza che si verificano all'interno di realtà familiari islamiche. Per quanto ci riguarda, esprimendo solidarietà alla Presidente Portolani, condanniamo nel modo più assoluto questi episodi di criminalità vera e propria senza farne una questione religiosa ma semplicemente una ragione di civiltà occidentale. Non crediamo di dover aggiungere altro perché tutta questa sceneggiata in commissione pari opportunità dimostra quanto almeno una parte del PD forlivese sia ancora legata allo schema pro e contro l’islam, quale artificio strumentale elettorale ed ideologico. Tocca a noi dimostrare invece l’ancoraggio alla civiltà occidentale e al substrato culturale per perseguire obiettivi di vera integrazione.”

A intervenire contro le parole di Portolani è invece Federico Morgagni (Forlì & Co): "Dal punto di vista metodologico, l'utilizzo di una commissione istituzionale come cassa di risonanza per la propaganda di un partito politico, in sprezzo al confronto in seno alla commissione medesima e senza rispetto per la pluralità di posizioni esistenti nella società, da parte di chi avrebbe come ruolo quello di fare sintesi fra le diverse anime e le opinioni, è inaccettabile e dimostra totale ignoranza delle regole istituzionali e una concezione padronale e autoritaria delle istituzioni medesime. Se possibile, ancora più grave è il contenuto delle posizioni espresse dalla Portolani e dall'estensore del comunicato, il Popolo della Famiglia. Se l'agghiacciante passaggio sulla “bonifica della religione islamica” sembra provenire da periodi oscuri della nostra storia, l'insieme del ragionamento è ispirato una concezione “colonialista”, che esalta una presunta superiorità della cultura occidentale, metro di paragone per misurare “l'inciviltà” degli altri. All'interno di un un discorso confuso, che mischia la violenza domestica e familiare originata dal patriarcato con la violenza del fondamentalismo integralista, Portolani lascia intendere che la violenza di genere sia un problema che non riguarda l'Italia e la cultura occidentale. A tal proposito, giova ricordare alla Presidente della Commissione che su una tematica come quella della violenza sulle donne e dei femminicidi, purtroppo, nessun paese può dirsi immune ed estraneo. Va inoltre rimarcato che tutte le conquiste che, anche nel nostro paese, hanno permesso di indebolire (ma certo non vincere) il patriarcato, sono derivate dall'impegno delle donne nel lotta per i propri diritti, mentre i partiti che godono delle simpatie della Presidente Portolani erano sull'altro fronte, a ostinata difesa di una cultura retrograda, discriminatoria e maschilista".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Islam da bonificare", continua la polemica: "Un monito al fondamentalismo", "No, cultura colonialista"

ForlìToday è in caricamento