Il mondo cattolico si organizza in una lista per Calderoni: nasce "Forlì Bene Comune", regista è Mosconi

Quattro in particolare i nomi di spicco della politica forlivese che si candidano sotto le sue insegne: Raoul Mosconi, Martino Chicocki, Fosco Foglietta e il noto artista Massimo Sansavini

Si chiama “Forlì Bene Comune” la lista centrista che va ad appoggiare la candidatura di Giorgio Calderoni, candidato sindaco del centro-sinistra forlivese. Forlì Bene Comune è una lista di ispirazione moderata, formata in gran parte da persone impegnate nel volontariato, nella scuola, nella salute e nell'assistenza. Il suo scopo è quello di raccogliere il voto di area cattolica, un elettorato "insidiato" da Gian Luca Zattini, candidato del centro-destra che a più riprese non ha fatto mistero di essere moderato, cattolico ed ex militante della Democrazia Cristiana.

Quattro in particolare i nomi di spicco della politica forlivese che si candidano sotto le insegne della nuova lista: Raoul Mosconi, assessore uscente al Welfare, regista della lista stessa; Martino Chicocki, “uomo forte” dell'ex Democrazia Cristiana forlivese e nelle ultime tornate elettorali sostenitore dei candidati di centro-destra; Fosco Foglietta, ex direttore generale dell'Ausl, a capo della lista “Un progetto per la città”, animata da diversi ex assessori della giunta Rusticali, che lo scorso gennaio aveva annunciato in conferenza stampa il proprio sostegno alla lista civica 'Forlì SiCura' per poi però rompere l'alleanza quando è emerso come candidato sindaco l'assessore Marco Ravaioli. Mosconi e Foglietta sono anche iscritti al Pd. Il quarto nome è quello del noto artista forlivese Massimo Sansavini, collaboratore, tra le altre cose, da diversi anni della Rai e autore di varie scenografie tra cui quella dell'oroscopo di Paolo Fox. E' lui che ha disegnato il simbolo elettorale.

Sintetizza Raoul Mosconi: “In questa lista si concretizza un progetto civico che vuole coinvolgere il mondo del 'bene comune', tutti quei soggetti che tramite i partiti tradizionali né si candiderebbe, un mondo di persone che chiedono una politica rispettosa, che danno e che chiedono rispetto”. Mosconi precisa che la sua candidatura alle prossime elezioni sarà con questo progetto e non col suo partito di appartenenza, il Pd. "Mi candido qui, e non col Partito Democratico perché ci credo in questa lista. Credo in un'esperienza civica e ritengo che la politica locale non possa essere ricondotta solo ai partiti nazionali". La lista seguirà la linea - indica Mosconi - "di fare una campagna elettorale non urlata, nel rispetto delle persone".

Capolista sarà Martino Cichocki, che dopo aver sostenuto il centro-destra spiega il suo cambio di fronte parlando di "pericolo per la democrazia" in riferimento alla Lega di Salvini. Mosconi fa infine da regista anche nel "rientro" nelle fila del centro-sinistra del gruppo politico "Un progetto per la città", che a gennaio aveva annunciato l'apparentamento con la lista autonoma Forlì SiCura, quindi in rottura col Pd. Risponde sul punto Fosco Foglietta:  "Anche allora avevamo identificato il nostro perimetro, vale a dire i principi del liberalismo costituzionale, i diritti dei popoli, concetti che credevamo acquisiti una volta per tutte, ma che ci troviamo invece a a doverli rilanciare e riposizionare per difenderli". Invece la frattura con Forlì SiCura si è consumata quando "nel nostro campo valoriale esplicitamente di centro-sinistra abbiamo compreso che lo scopo di Forlì SiCura era solo di tenersi le mani libere in caso di ballottaggio, così da poter massimizzare il risultato elettorale, la vecchia politica dei due forni".

I candidati

Questi i candidati: Ahoua Gnanzou Jacques (operatore sociale), Antonelli Alessandra (impiegata), Baravelli Bruno (pensionato ingegnere), Bitincka Resli (impiegato, consulente diaspora albanese), Braccesi Ero (già dirigente scolastico), Cangini Greggi Giulia (operaia), Cichocki Martino (ingegnere, volontario), Colangelo Elena (educatrice), Dimasi Luca (avvocato, docente universitario), Fasciano Giovanni Battista (operatore sociale), Fiori Veronica (insegnante), Foglietta Fosco (già Direttore Generale AUSL), Gaspari Laura (medico pediatra), Gatta Franco (infermiere in pensione), Ghini Paolo (ingegnere), Leucci Stefano (educatore), Massa Anna Rita (impiegata, volontaria), Mosconi Raoul (funzionario pubblico), Neri Walter (medico), Nuti Pamela (avvocato), Ofoedu Ngozi Josephine (mediatrice culturale), Padovano Pierfrancesco (architetto), Pretolani Bernaroli Lorenzo (studente universitario), Ranieri Maria (pensionata, volontaria), Ravaioli Giovanna (pensionata, volontaria), Ravaioli Luciano (funzionario pubblico), Righini Maria Giovanna (medico),  Rizzo Rolando (scrittore, pastore Chiesa Avventista), Sansavini Massimo (artista).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

  • Dopo la collisione cade sull'asfalto, le auto lo schivano: paura in A14 per un centauro

  • Oltre un milione di spettatori per il servizio sull'ospedale di Forlì in onda su Rai Tre

  • La "Panda" diventa un'auto stupefacente: la droga era nascosta nel pianale, tre arresti

Torna su
ForlìToday è in caricamento