Coronavirus, Vietina chiede misure drastiche: "Stop passeggiate. Spesa una volta a settimana"

Queste le proposte presentate dalla parlamentare di Forza Italia e sindaco di Tredozio, Simona Vietina, la quale ha giudicato positivamente l'allargamento dei tamponi a tutti gli operatori sanitari

Niente passeggiate o sport all'aperto. Spesa una volta alla settimana e totale fermo delle attivita' non essenziali per almeno 15 giorni per tutti, operai e impiegati a cui occorre aggiungere il tampone al piu' ampio numero di cittadini possibili per individuare anche i contagiati asintomatici. Queste le proposte presentate dalla parlamentare di Forza Italia e sindaco di Tredozio, Simona Vietina, la quale ha giudicato positivamente l'allargamento dei tamponi a tutti gli operatori sanitari.

Tuttavia, ha evidenziato Vietina, "non basta" poichè "stiamo vedendo un trend di contagio peggiore di quello cinese, occorrono scelte drastiche". “Anche sul fronte sanitario occorre fare di più - incalza la parlamentare azzurra -. Occorrono misure più restrittive e nette. Spesa una volta alla settimana, niente passeggiate o sport all’aperto e totale fermo delle attività non essenziali per almeno 15 giorni per tutti, operai e impiegati a cui occorre aggiungere il tampone al più ampio numero di cittadini possibili per individuare anche i contagiati asintomatici. Bene l’allargamento ipotizzato dalla Regione Emilia Romagna a tutti gli operatori sanitari ma ancora non basta: stiamo vedendo un trend di contagio peggiore di quello cinese, occorrono scelte drastiche".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul decreto "Cura Italia" "si può e si deve fare meglio, sia dal punto di vista economico che sanitario. Le aziende chiedono liquidità e ossigeno per resistere e non chiudere e quello che ottengono è una proroga degli oneri fiscali per 4 giorni? Sembra quasi una presa in giro di cui ridere se non fosse che ad andarci di mezzo saranno proprio le PMI che rappresentano il tessuto produttivo principale del nostro Paese. Che dire, poi, delle risorse messe a disposizioni per le partite IVA? 600 euro per alcuni, per altri – i professionisti iscritti alle casse private – al massimo il reddito di ultima istanza: cifre inaccettabili per milioni di liberi professionisti e lavoratori autonomi che, a breve, vedranno precipitare i propri incassi senza neppure le tutele garantite ai dipendenti pubblici o privati. Inadeguate anche le misure per tutti quei negozianti che hanno abbassato le saracinesche e dovranno pagare comunque l’affitto, nella speranza di sopravvivere fino al recupero del 60% attraverso il credito d’imposta. Misure tiepide, quando non irricevibili, e insufficienti, soprattutto se paragonate alle misure più di 20 volte superiori, pari a 550 miliardi, messe in campo in Germania: dobbiamo fare di più a livello interno ed esigere che l’Europa faccia il suo dovere, stampando Euro-Bond tali da immettere nel circuito economico europeo almeno 3.000 miliardi"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, il ringraziamento dell'azienda ai suoi dipendenti: un aumento in busta paga

  • Coronavirus, altri due morti a Forlì. I casi nel Forlivese salgono a 335

  • Coronavirus, rallenta ancora la crescita dei contagiati. Ufficializzate le prime guarigioni forlivesi

  • Bar aperto e colazioni ai clienti: tutti finiscono multati. Trovato aperto anche un minimarket: chiuso e multato

Torna su
ForlìToday è in caricamento