Scuola, i Giovani Comunisti si schierano contro i test Invalsi

Mercoledì la pioggia non ha fermato una campagna di volantinaggio in Via della Libertà, di fronte all’Istituto Tecnico Industriale e al Liceo Classico

Giovani Comunisti contro i test Invalsi in vista degli imminenti esami di maturità e la riforma de "La Buona Scuola". Mercoledì la pioggia non ha fermato una campagna di volantinaggio in Via della Libertà, di fronte all’Istituto Tecnico Industriale e al Liceo Classico. Spiega Chiara Mancini dei Giovani Comunisti Forlì: "Proponiamo il boicotaggio perché riteniamo che questi test non siano altro che cavalli di Troia, introdotti ad uno scopo pseudovalutativo, ma finalizzati al taglio della spesa scolastica".

Sostiene Mancini: "Come emerge infatti da una relazione del 2012 di Banca d’Italia (“Il capitale umano per la crescita economica” di Cipollone, Sestito e Montanaro), dove emerge la formulazione di queste prove, lo scopo è quello di modulare il finanziamento pubblico alle scuole in base ai risultati delle stesse. Come possono questi banali e impersonali test valutare l’insegnamento, soprattutto quando gli stessi insegnanti sono costretti ad usare le ore destinate alla didattica per prepararli? Ricordiamo inoltre il costo complessivo che comportano: 14.000.000 euro. Vogliamo seguire l’esempio degli Stati Uniti, dove tali questionari sono stati usati per spalancare le porte ai privati, riducendo le scuole più bisognose di risorse senza supporto pubblico?"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Giovani Comunisti si schierano anche contro la riforma de “La Buona Scuola”, "la quale apre al finanziamento alle scuole private (come volevasi dimostrare) e ad una aziendalizzazione della scuola, attraverso l’alta discrezionalità e lo strapotere dei dirigenti scolastici e le modalità di alternanza scuola-lavoro (200 ore nei licei e 400 negli istituti tecnico-professionali, sottratti alla didattica). 
Sull’orizzonte universitario, invece, guardiamo con ottimismo le elezioni: sosteniamo chi in questi anni si è battuto per rendere l’Università accessibile a tutti, attraverso battaglie contro gli alti prezzi della mensa, contro il numero chiuso e i criteri stringenti per l’attribuzione delle borse di studio. Sosteniamo chi al Brennero si è schierato dalla parte dei più deboli. Il 18 e 19 maggio voteremo la lista Apolidi- Udu- Sdu con Isabella Lalli al Cnsu".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto sbanda e invade la corsia opposta: lo schianto è inevitabile, muore un uomo di 59 anni

  • Tragedia sulla Cervese alle prime luci del mattino, c'è un morto: chiusa al traffico la strada

  • Saette, tuoni e brusco calo delle temperature. E c'è una nuova allerta temporali

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Saetta colpisce e incendia un'insegna pubblicitaria sulla Cervese

  • Attesi altri temporali, l'allerta meteo comunicata al telefono: "Ridurre gli spostamenti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento