menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Violenza sulle donne, Portolani (FdI): "Non bisogna avere paura di denunciare"

Sull’argomento è intervenuta Marinella Portolani consigliere comunale di FdI e presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Forlì

Il 25 novembre si celebra la “Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne”, una ricorrenza istituita dall’assemblea generale delle Nazioni Unite e che introduce un tema di stretta attualità legato ai maltrattamenti fisici e psicologici che molte donne subiscono ancora oggi nel mondo. Sull’argomento è intervenuta Marinella Portolani consigliere comunale di FdI e presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Forlì: "Umiliazioni, ingiurie, attacchi verbali e fisici, stalking, stupri, fino al femminicidio sono forme di violenza di cui purtroppo sono drammaticamente ricche le cronache. Una situazione inaccettabile e vergognosa, che non finirò mai di stigmatizzare invitando le donne a denunciare gli atti inqualificabili cui sono sottoposte".

"E ancor più grave, ammesso sia possibile stilare una classifica degli orrori, è il maltrattamento all’interno del nucleo familiare dove la convivenza spesso è un calvario per mogli o compagne sottoposte ad ogni genere di supplizio - prosegue Portolani -. Donne sovente costrette al silenzio per l’amore verso i figli o obbligate da condizioni economiche che non consentirebbero una vita libera e autonoma. E’ di fronte a tutto questo che deve essere unanime la condanna e forte l’invito a chi è in difficoltà a rivolgersi alle istituzioni per ottenere aiuto e sostegno, essendo la violenza contro le donne l’esatto opposto del progresso e della convivenza civile. Un danno immenso che una comunità evoluta non può assolutamente permettersi".

"Ben vengano, quindi, gli ulteriori aggravi di pena per chi infligge violenza alle donne, come stabilito dal cosiddetto “Codice Rosso” di recente approvato dal governo, per rendere giustizia a chi ha subito torti", conclude, citando la poetessa Ada Merini: "Siamo state amate e odiate, adorate e rinnegate, baciate e uccise, solo perché donne".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento