rotate-mobile
Sport

Unieuro, finalmente "Mo" Watson: contro Udine fiammate e sacrificio difensivo

Al di la degli otto punti realizzati in 31 minuti, il numero 10 è stato protagonista di una grande partita a livello difensivo

Finalmente “Mo” Watson. Contro Udine il play americano ha disputato probabilmente la migliore prestazione stagionale, che si è concretizzata con una vittoria pesantissima e il secondo posto in solitaria in classifica alle spalle di una scatenata Ravenna. Al di la degli otto punti realizzati in 31 minuti, il numero 10 è stato protagonista di una grande partita a livello difensivo, con ben cinque palle recuperate ed un rimbalzo difensivo, ma allo stesso tempo ha dettato i tempi della squadra, sfornando anche sei assist.

Sono inoltre anche arrivati i punti pesanti da tre (2 su 5), la seconda delle quali in una fase delicata del match, con botta e risposta tra le due compagini. Dopo il ko contro Ravenna, sono piovute tante critiche sul folletto a stelle e strisce. “Mo” ha risposto sempre con un atteggiamento da professionista e dedizione alla causa. Il lavoro sta dando i suoi frutti. Partita dopo partita l'ex Leiden si sta adattando al nuovo campionato ed un primo segnale era già arrivato a San Severo. 

In diciassette partite, Watson junior ha tirato 59 volte da tre, infilandone 21 per un 36%, mentre nel colorato ha tentato 118 conclusioni, di cui 61 a segno per un 52%. Si è invece presentato dalla lunetta 23 volte, con una percentuale di realizzazione del 70%. Viaggia con una media di 11,8 punti a partita. A limitare le fiammate del play potrebbe essere anche l'assetto tattico della squadra, che valorizza i lunghi interni ed esterni. 

Ma anche da questo punto di vista il numero 10 si sta adattando. E lo dimostrano i recuperi difensivi e l'importante partita disputata contro Udine, limitando Cromer e seguendo il piano tattico disegnato da coach Sandro Dell'Agnello. Tanto che l'allenatore ne ha elogiato la sua prestazione in conferenza stampa: ""Mo" ha fatto una partita importante, soprattutto dal punto di vista difensivo, ma anche sulle scelte offensive. Gli possiamo imputare davvero pochi errori. Ha recuperato anche due palloni importanti da giocatore furbo e smaliziato". La parola d'ordine è quindi fiducia. Il campionato è lungo e di strada da percorrere ce n'è ancora tanta. Ma se trovasse costanza potrebbe diventare, il giocatore di Philadelphia potrebbe trasformarsi nell'arma decisiva del finale di stagione. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unieuro, finalmente "Mo" Watson: contro Udine fiammate e sacrificio difensivo

ForlìToday è in caricamento