Sport

Calcio, fuochi d'artificio al Morgagni: sette gol, il Forlì in rimonta batte il Cattolica e lo condanna alla retrocessione

Caldo torrido sul comunale "Morgagni" con una buona cornice di pubblico a sostenere i galletti

Si interrompe in maniera rocambolesca la maledizione derby per il Forlì che batte con un pirotecnico 4 a 3 il Cattolica costringendo la formazione giallorossa alla retrocessione. Mister Angelini ripropone dieci undicesimi della formazione vittoriosa a Prato ma ritornando al più rodato 3-5-2 con De Gori in porta, linea a tre con Croci, Sedioli e Sabato, centrocampo guidato da Buonocunto, Piva, e Gigliotti con sulle fasce Carlucci a sinistra e Gkertsos a destra, in avanti Tortori e Pera. Caldo torrido sul comunale "Morgagni" con una buona cornice di pubblico a sostenere i galletti; la partenza infatti promette bene perché al 3° Carlucci corre sulla fascia e mette la palla nel mezzo per la corsa di Gkertsos che calcia a colpo sicuro ma Mariani in tuffo coadiuvato da una selva di gambe salvano il pallone sulla linea respingendo la minaccia.

Le pagelle: tutti i voti

Passano dieci minuti e questa volta è Gkertsos che ricambia l'assist per il compagno Carlucci ma il colpo di testa dell'esterno forlivese è a lato. È un susseguirsi di emozioni con Pera che ci prova dalla distanza al 21° ma Mariani ci mette i guantoni e respinge. Alla mezz'ora però succede quello che non ti aspetti: calcio d'angolo Cattolica con uno schema ben riuscito che libera Merlonghi al tiro dal limite dell'area, palla nel sette e ospiti in vantaggio. La risposta del Forlì è timida e poco lucida con una girata di Carlucci al 41° mentre al 45° è Camara che in tuffo anticipa di un soffio Pera pronto al tap-in. La ripresa però parte male perché al 48° il Cattolica raddoppia con Gioia in contropiede col Forlì sbilanciato in avanti. È una scossa con Angelini che getta nella mischia Ferrari e Gasperoni e  in dieci minuti il Forlì la recupera con Ferrari al 54° di testa e con Croci che tre minuti più tardi sempre di testa trova l'angolino per il momentaneo 2 a 2.

Sembra il preludio ad una rimonta incredibile, ma il Cattolica è costretto a vincere e si rigetta all'attacco trovando il nuovo vantaggio al 71° con l'ex Docente che al primo pallone toccato in campo, fulmina in incolpevole De Gori. Sembra ancora una volta stregato il derby in casa biancorossa, ma il Forlì è ancora vivo gettandosi all'arrembaggio e col Cattolica arroccato a difendere ma che resta in dieci per l'espulsione di Manuzzi (doppio giallo). Un regalo enorne perché così all'83° i galletti trovano ancora il pari con Gasperoni che conclude con un bellissimo tiro al volo dai trenta metri per il momentaneo 3 a 3. Ma le emozioni non sono ancora finite e ad un giro di lancette dallo scadere del tempo regolamentare è ancora Gasperoni a trovare con un piattone chirurgico il definitivo 4 a 3 facendo esplodere di gioia i tanti tifosi accorsi sulle tribune del Morgagni e spezzando finalmente la maledizione derby.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, fuochi d'artificio al Morgagni: sette gol, il Forlì in rimonta batte il Cattolica e lo condanna alla retrocessione

ForlìToday è in caricamento