Sport

Giro d'Italia, la Tappa Bartali attraversa le Foreste Casentinesi: "Guardiamo al futuro con fiducia"

Bonaccini: "Ancora una volta questo territorio protagonista della Corsa in rosa. Grazie agli atleti e a tutta la carovana per le emozioni che solo lo sport sa regalare"

Oltre 400 chilometri tra l’Appennino e la Costa nel segno di Dante. Il Giro d’Italia ritorna in Emilia-Romagna giovedì  e venerdì con la Siena-Bagno di Romagna, la famosa Tappa Bartali, e la Ravenna-Verona, nel segno di Dante. Un ritorno tra la natura incontaminata del Parco delle Foreste Casentinesi in provincia di Forlì-Cesena e la grande pianura tra terra e mare che sconfina nel Parco del Delta del Po, in quelle di Ravenna e Ferrara.

Con la dodicesima e la tredicesima tappa si completa la grande avventura emiliano-romagnola di questa 104^ edizione della Corsa in rosa. Un’avventura iniziata con la quarta tappa Piacenza- Sestola, attraverso le province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Modena e poi proseguita con la quinta Modena-Cattolica: un percorso quasi interamente lungo la via Emilia tra Bologna e Rimini. Quattro diverse tappe, ma protagonista un solo territorio e la sua ricchezza di paesaggi, ambienti, naturali, bellezze artistiche, tradizioni storiche.  Con quest’anno un appuntamento da non mancare: le celebrazioni per i 700 anni della morte di Dante Alighieri, che proprio a Ravenna è sepolto.

“Il Giro ritorna in Emilia-Romagna - sottolinea il presidente della Regione, Stefano Bonaccini - e sono certo che anche queste due tappe non mancheranno di farci vivere quelle emozioni che solo lo sport sa regalare. Dopo mesi difficilissimi, cominciamo a vedere l’inizio di un sia pur graduale ritorno alla normalità. Con senso di responsabilità e senza abbassare la guardia, ma allo stesso tempo con fiducia e speranza, guardando ai tanti segnali di ripartenza di questi giorni, grazie anche al ritmo della campagna vaccinale”.

“Possiamo affermare con orgoglio- conclude il presidente- che ancora una volta questa regione, terra delle due ruote e di grandi campioni, è stata tra le protagoniste del Giro. Lo è stata con il suo territorio, le sue comunità, la sua straordinaria ospitalità. Un grazie agli atleti, a tutta la carovana del Giro, con l’auspicio di ritrovarci il prossimo anno con la pandemia lasciata definitivamente alle spalle”.  

La Siena-Bagno di Romagna, la “Tappa Bartali”

Oltre duecento chilometri tra la Toscana e la Romagna per una tappa appenninica molto impegnativa. È la Siena-Bagno di Romagna la famosa “Tappa Bartali”, occasione per ricordare non solo uno dei più grandi protagonisti di sempre del Giro, ma anche Alfredo Martini, uno dei padri del ciclismo italiano a 100 anni della nascita. Una tappa da 212 chilomeri con 3.700 metri di dislivello (difficoltà livello 3).

Da Siena, dunque, attraverso il Chianti fino a Firenze. E poi da qui un percorso che si inerpica attraverso una serie di salite: Monte Morello (pendenze oltre il 15%), il Passo della Consuma (media attorno al 6%), il Passo della Calla (media attorno al 5%) e infine in provincia di Forlì-Cesena il Passo del Carnaio con pendenze fino al 14%.

Segue quindi la discesa anch’essa impegnativa fino ai 5 chilometri all’arrivo. Tra le località toccate nel forlivese-cesenate, oltre al Passo del Carnaio, diverse frazioni del Comune di Santa Sofia come Corniolo, Berleta, Isola e poi il comune capoluogo Santa Sofia. E ancora Raggio, Montriolo, fino a San Piero in Bagno e Bagno di Romagna, borgo millenario, centro termale, porta di accesso al Parco delle Foreste Casentinesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giro d'Italia, la Tappa Bartali attraversa le Foreste Casentinesi: "Guardiamo al futuro con fiducia"

ForlìToday è in caricamento