menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Avvelenamento di 12 cani in val Montone, Serri Pini assolto

A margine dell'assoluzione, Serri Pini ha inviato ai media anche una dichiarazione: “A seguito della pubblicazione, ignoti avevano imbrattato i muri di casa con la scritta 'assassino'"

Tutto da rifare nell'indagine che portò alla denuncia di due persone col sospetto di avvelenamento di 12 cani nell'alta valle del Montone, tutti episodi concentrati che destarono particolare allarme sociale. Ad essere colpiti furono cani da caccia, da tartufo, da guardia e da compagnia. Per quell'episodio la Procura della Repubblica individuò due sospetti e ottenne dal GiP (Giudice per le indagini preliminari) due decreti penali consistenti in una multa da 15.000 euro ciascuno, a carico di un 71enne e un 65enne di Rocca San Casciano.

Contro il decreto penale ha fatto ricorso Luigi Serri Pini, che in udienza l'ha spuntata, con l'assoluzione. Il pensionato di Rocca San Casciano si è difeso in giudizio con gli avvocati Giovanni Briola e Fabrizio Salmi del foro di Milano e all'udienza tenutasi giovedì ha ottenuto l'assoluzione per non aver commesso i fatti di cui era stato accusato. A margine dell'assoluzione, Serri Pini ha inviato ai media anche una dichiarazione: “A seguito della pubblicazione, ignoti avevano imbrattato i muri di casa con la scritta "assassino". Ho sempre amato gli animali, non sopportavo questa accusa infamante. Sono contento che e' stata finalmente accertata la mia estraneità ai fatti e mi auguro che i veri colpevoli siano presto individuati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento