menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bertinoro, adeguamento sismico dell'elementare "Francesco Rossi": il Comune cerca risorse

Gli uffici hanno quindi predisposto le richieste di preventivi indirizzate a tecnici competenti per stimare gli effettivi costi di lavori di adeguamento sismico

Nell'ultimo Consiglio comunale il sindaco di Bertinoro, Gabriele Fratto, ha aggiornato il Consiglio in merito al finanziamento di 300mila euro per interventi di adeguamento sismico e messa in sicurezza che il Comune ha ottenuto nel 2018 per le scuole "Francesco Rossi" di Bertinoro, intervento “congelato” per approfondire, su proposta del Consiglio comunale, uno studio di fattibilità esterno relativo all'accorpamento delle scuole elementari Francesco Rossi nelle scuole medie Paolo Amaducci di Bertinoro centro, studio che ha dimostrato come la spesa per questo intervento dovrà essere economicamente ben più importante rispetto a quanto il Consiglio auspicava: un intervento serio e accurato infatti, come lo studio “La Prima Stanza” ha evidenziato, prevede infatti una spesa di 1.800.000 euro.

"Mantenendo valido questo obiettivo, ma comprendendo le difficoltà nel reperire queste importanti risorse, l'amministrazione Comunale si sta impegnando ad approfondire con l'attuale e il futuro governo regionale, tutte le possibilità di finanziamento fin da oggi disponibili - spiega il sindaco -. Ad oggi, pena la perdita del finanziamento dei 300mila euro precedentemente citato, l'amministrazione ha confermato l'intervento previsto sulla “Francesco Rossi” che garantirà di conseguenza una scuola sismicamente adeguata riportando gli studenti ad utilizzare anche l'ultimo piano dell'edificio".-

"E' importante richiamare come già nel 2017 avevamo impiegato 112mila euro dei 200mila euro arrivati per i danni del “Nevone” del 2012 per adeguare gli edifici scolastici del centro - continua Fratto -. Di questi nello specifico proprio 90mila euro sono stati impiegati per sistemare i locali al piano terra della scuola Rossi, un edificio degli anni '30 sul quale abbiamo commissionato ulteriori verifiche sulla sua tenuta strutturale con particolare attenzione per lo sfondellamento dei solai, ovvero quando la parte inferiore del mattone posizionato nel soffitto si stacca e cade, insieme all'intonaco a terra; la situazione quindi evidenziata ha portato a non utilizzare questi spazi, interdetti pur essendo agibili, intervenendo urgentemente nell'abbattimento della pensilina in cemento armato posta all'ingresso, aggiunta negli anni '70".

Prosegue Fratto: "A fronte di quella situazione contingente l'amministrazione ha garantito fin da subito livelli molto buoni sulla didattica tenendo conto di tutte le esigenze giornaliere della scuola e dei centri educativi pomeridiani. Sono stati concordati con i diversi attori coinvolti, tra cui Ausl, un'ottimale sistema per erogare i pasti direttamente nelle aule attraverso un progetto che coinvolge studenti, insegnanti, personale Ata, personale di cucina. A tutti loro va il più grande apprezzamento da parte dell'amministrazione. Questo intervento che verrà realizzato, al pari degli investimenti precedenti effettuati nella vecchia scuola Media Paolo Amaducci e nella scuola Materna “Il Cucciolo” di Santa Maria Nuova Spallicci, sarà considerevole sul fronte di attenzione scolastica che anche in questa occasione ribadiamo essere una priorità di questa amministrazione e a maggior ragione sarà un intervento valido al futuro utilizzo di questa struttura che potrà accogliere gli uffici della Residenza Municipale, oggi collocati in numerose sedi, mantenendo la sede storica del Palazzo Comunale per gli eventi di rappresentanza".

"Il finanziamento quindi è tuttora disponibile: lo stesso Ministero dell'Istruzione che lo ha erogato ha prorogato l'aggiudicazione dei lavori al 31 marzo 2020 al fine di poter intervenire durante l'anno 2020 concordando naturalmente con la scuola i momenti più idonei - conclude il primo cittadino -. Gli uffici hanno quindi predisposto le richieste di preventivi indirizzate a tecnici competenti per stimare gli effettivi costi di lavori di adeguamento sismico, stando ai 300mila euro disponibili, chiedendo al contempo di approfondire le eventuali risorse da reperire per ulteriori incarichi e approfondimenti che dovessero rendersi necessari. L'amministrazione sta definendo gli ultimi dettagli proprio in queste settimane in modo da procedere in questa specifica modalità garantendo alla comunità bertinorese il grande livello e attenzione che le “case” scolastiche meritano indipendentemente dai progetti futuri che si perseguono e che quest'Amministrazione, con cura, rispetto, determinazione e passione, vuole raggiungere".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento