menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morte cerebrale per il carabiniere ferito con un colpo di pistola

I medici dell’ospedale Maurizio Bufalini, dove il 44enne si trova ricoverato nel reparto di Rianimazione, hanno dichiarato la morte cerebrale

Il cuore del carabiniere rimasto gravemente ferito da un colpo d’arma da fuoco venerdì mattina alla caserma di Santa Sofia continua a battere. Ma i medici dell’ospedale Maurizio Bufalini, dove il 44enne si trova ricoverato nel reparto di Rianimazione, hanno dichiarato la morte cerebrale. A tener in vita il paziente sono i macchinari. I sanitari stanno valutando quali organi potranno essere espiantati. Tutti continuano a chiedersi il perché di quello che sembra un tentato suicidio.

Umbro di origini, era in forza alla caserma di Santa Sofia dal 1995. Qui ha trovato l’amore in una santasofiese, una maestra elementare, con la quale hanno avuto una figlia di 4 anni. Sull’episodio indagano i Carabinieri del reparto investigativo guidato dal colonnello Giuseppe Bellia e coordinata dal sostituto procuratore Filippo Santangelo. Tuttavia il quadro sembra esser abbastanza chiaro. Il militare avrebbe tentato di togliersi la vita con la pistola d’ordinanza mentre era di piantone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento