Casa di riposo Zangheri, i familiari chiedono più tempo da trascorrere con i loro cari

"Gli ospiti dello Zangheri sono ancora sottoposti ad una dura serie di divieti ed imposizioni", premette una nota dei rappresentanti del gruppo

Più tempo da trascorrere insieme ai propri cari. E' quanto chiede il gruppo spontaneo dei familiari degli ospiti della casa di riposo "Pietro Zangheri". "Gli ospiti dello Zangheri sono ancora sottoposti ad una dura serie di divieti ed imposizioni - premette una nota dei rappresentanti del gruppo -. Possono incontrare un solo familiare alla settimana per 30 minuti. Limite massimo consentito dallo Zangheri, mentre l’ordinanza regionale precisa che se le dimensioni lo consentono si possono aumentare la frequenza e la durata degli incontri, anche aumentando l’orario di apertura agli esterni".

"Nonostante le enormi dimensioni del parco e la disponibilità di numerosi saloni e spazi al coperto, a quanto ci consta, fanno entrare solamente una decina di familiari la mattina ed altrettanti il pomeriggio - viene aggiunto -. Per questo motivo non sempre è possibile per gli anziani ricevere anche una sola visita a settimana. Come se non bastasse giorno e orario dell’incontro vengono decisi dalla direzione dello Zangheri in base alla gestione delle richieste complessivamente ricevute".

I familiari riportano che "sono tuttora proibiti gli ingressi di assistenze esterne e volontari che facciano compagnia agli anziani, li accompagnino nel parco di 17.000 metri quadri, diano conforto o semplice presenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento