Comitato di distretto forlivese, l'assessore Tassinari: "Il sistema ha retto all’urto del Covid"

Spiega Tassinari: "Abbiamo affrontato nel dettaglio il piano attuativo di zona 2020 per la salute e il benessere sociale del distretto"

Si è riunito giovedì mattina, in modalità telematica, il Comitato di Distretto forlivese, presieduto dall’assessore al Welfare Rosaria Tassinari, per l’illustrazione del consuntivo 2019 e per fare il punto sulla situazione del 2020 a seguito dell’emergenza Coronavirus. "Sono 1.114 gli utenti in assistenza residenziale Cra, 105 i posti di sollievo, 100 quelli accreditati per i centri diurni, 537 gli anziani in assistenza domiciliare a cui se ne aggiungono 136 inseriti in programmi di dismissioni ospedaliere protette, 965 gli assegni di cura elargiti a nuclei famigliari svantaggiati e 180 quelli integrativi per il mantenimento di badanti in regola", ha spiegato Tassinari, illustrando nel dettaglio i servizi effettuati nel 2019 ad anziani non autosufficienti del distretto forlivese grazie al sistema integrativo del fondo per la non autosufficienza, che include - tra le azioni di intervento - anche i percorsi di Caregiver a domicilio.

"In questo caso parliamo di 257 utenti per servizi di Caregiver, di 53 gruppi di sostegno e 426 Caffè Alzheimer il cui progetto è nato grazie a una preziosa collaborazione con la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì - prosegue l'assessore -. Tutti questi numeri, analizzati nella loro complessità, ci forniscono un quadro del nostro sistema socioassistenziale che sa rispondere - con gli strumenti più adeguati e i servizi più all’avanguardia - alla molteplicità delle esigenze delle nostre famiglie e a quelle dei nostri anziani. Un sistema che, è bene ribadirlo, non solo ha saputo rispondere in maniera incisiva alla domanda assistenziale del distretto, diversificando l’offerta dei servizi e garantendo elevanti standard di qualità, ma che soprattutto per prestazioni e livelli di sicurezza ha retto all’inatteso urto del Covid".

"Tutto questo ci fan ben sperare per il prosieguo del 2020 e per la ripartenza che, anche in questo campo, è sulla buona strada. Ma ciò non significa che ci si debba accontentare e che la situazione sia tornata del tutto alla normalità - aggiunge -. Proprio in queste settimane stiamo continuando a lavorare per intercettare quei segmenti di popolazione che ancora hanno bisogno procedendo gradualmente al ripristino di tutti i servizi assistenziali del comprensorio, molti dei quali era stati sospesi durante il Covid".

Infine, conclude l'assessore al Welfare, "nel corso della mattinata, abbiamo avuto modo di affrontare nel dettaglio il piano attuativo di zona 2020 per la salute e il benessere sociale del distretto, arricchitosi quest’anno di azioni di contrasto alle diseguaglianze e alla crisi economica-sociale generatasi in seguito all’epidemia da Covid-19".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento