Coronavirus, preoccupa il focolaio della ditta: nuovi contagiati tra operai e familiari

Venerdì mattina era in programma una riunione tra il sindaco Gian Luca Zattini e la direzione sanitaria per fare il punto sulla situazione e prendere decisioni

Sono 22 i nuovi positivi al covid-19 nella provincia di Forlì-Cesena. Ben 13 sono collegati al focolaio riconducibile all'azienda "Giuliani Arredamenti" di Villa Selva. Questo quanto emerge dal bollettino comunicato dalla Prefettura sulla base dei dati comunicati dall'Ausl. Questa la distribuzione dei casi nel Forlivese: undici a Forlimpopoli, cinque a Forlì ed uno a Castrocaro. Tra questi due sono sintomatici ed uno è stato ricoverato, non in terapia intensiva. I contagiati collegati al "cluster" della "Giuliani" salgono così a 37 tra operai, familiari e conoscenti. Venerdì mattina era in programma una riunione tra il sindaco Gian Luca Zattini e la direzione sanitaria per fare il punto sulla situazione, ma non sono stati adottati provvedimenti.

A livello provinciale si aggiungono i casi di Cesena, Cesenatico, Gambettola e Bagno di Romagna (due). Crescono i guariti: nelle ultime 24 ore se ne sono aggiunti altri 39. Per quanto concerne gli altri casi nel Forlivese, uno è risultato positivo di rientro dall’Ucraina, un altro è stato identificato come positivo in seguito a un tampone prima di un intervento; un altro dopo un tampone effettuato per sintomi al Pronto soccorso ospedaliero. Infine, degli ultimi 2 positivi, uno è emerso in seguito a screening sul luogo di lavoro.

Sull'aumento dei contagiati a Forlimpopoli fa il punto il sindaco Milena Garavini: "Una persona è stata individuata attraverso uno screening periodico legato al tipo di professione, mentre dodici persone sono collegato al focolaio dell'impresa forlivese. Un paio lavorano per la ditta e vivono nello stesso edificio, quindi a stretto contatto. E questo ha fatto si che ci fosse un aumento dei contagi. Solo una persona presenta sintomi e non è grave. Gli asintomatici sono stati trasferiti nei covid hotel della zona. E' una situazione circoscritta che va monitorata e attenzionata. Prima di questi casi Forlimpopoli contava 14 positivi, quasi tutte riconducibili ad alcuni specifici nuclei familiari. La situazione è in generale sotto controllo, ma questi episodi spingono a sollecitare tutti a non abbassare la guardia e mantenere le abitudini acquisite per evitare il diffondersi del virus e tutelarci. Quindi indossare la mascherina, mantenere il distanziamento sociale e igienizzare frequentemente le mani e non toccarsi il volto".

La situazione in Emilia Romagna

In Emilia-Romagna sono stati registrati 163 casi in più rispetto a giovedì, di cui 86 asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali: 76 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 86 sono stati individuati nell’ambito di focolai già noti. Sono 30 i nuovi contagi collegati a rientri dall’estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso-faringei durante l’isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia, Malta e regioni della Francia. Il numero di casi di rientro da altre regioni è 8.

L’età media dei nuovi positivi di venerdì è 38,1 anni. Sugli 86 asintomatici, 43 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 31 attraverso i test per categorie a rischio introdotti dalla Regione, 4 attraverso gli screening con test sierologici, 7 con i test pre-ricovero, mentre per un caso non è ancora stata conclusa l’indagine epidemiologica. Per quanto riguarda la situazione nel territorio, il maggior numero di casi si registra nelle province di Bologna (37), Piacenza (17), Parma (15), Reggio Emilia (16), Modena (30), Forlì (18) e Rimini (15).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tamponi effettuati sono stati 13.054 ai quali si aggiungono anche 2.052 test sierologici. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a venerdì sono 4.677 (+23 rispetto a giovedì). Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 4.465 (+31), il 95% dei casi attivi. I pazienti in terapia intensiva sono 11 (-3 rispetto a giovedì), quelli ricoverati negli altri reparti Covid sono 201 (-5). Le persone complessivamente guarite hanno raggiunto quota 26.416 (+140 rispetto a giovedì): 7 “clinicamente guarite” (stabili rispetto a giovedì), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 26.409 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. Non si registra nessun decesso nel territorio emiliano-romagnolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Coronavirus, contagi in aumento. Bonaccini non esclude una stretta sulle scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento