menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus e visoni, il manifesto che ha allarmato Galeata. Il sindaco: "Nessun rischio sanitario"

Sulla questione è quindi intervenuto il primo cittadino Elisa Deo, anche attraverso un post sulla pagina Facebook del Comune di Galeata

Un manifesto che ha allarmato la popolazione di Galeata. E' quello posto martedì sulle bacheche cittadine a firma di "Essere Animali" all'indomani dell'ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha disposto la sospensione delle attività degli allevamenti di visoni su tutto il territorio italiano fino alla fine del mese di febbraio, quando verrà effettuata una nuova valutazione sullo stato epidemiologico. Il cartellone, con l'immagine di un visone, riporta la scritta a caratteri cubitali "Rischio sanitario a Galeata", aggiungendo che "in paese c'è un allevamento di visioni" e la dicitura "il coronavirus mutato si diffonde dai visoni all'essere umano".

Sulla questione è quindi intervenuto il primo cittadino Elisa Deo, anche attraverso un post sulla pagina Facebook del Comune di Galeata: "In qualità di sindaco e di Autorità Sanitaria Locale, ci tengo a rassicurare i cittadini di Galeata precisando che attualmente non vi è alcun rischio sanitario di trasmissione del virus Covid-19 derivante da un allevamento di visioni sito nel nostro Comune". Deo informa inoltre che il gestore dell'allevamento, Luca Cassinadri, ha reso noto che "è pronto e disponibile a qualsiasi adeguamento richiesto dall'autorita sanitaria, qualora venissero riscontrate criticità".

L'allevamento, che non registra casi di covid-19, "è continuamente monitorato dalle autorità sanitarie competenti attraverso rigorosi protocolli di biosicurezza". Inoltre "gli allevamenti sono chiusi al pubblico e gli operatori osservano indicazioni specifiche di pulizia ed utilizzo dei dispositivi di protezione individuale". Conclude Deo: "L'organizzazione Mondiale per la Salute Animale, il 18 novembre ha sottolineato che, sebbene diverse specie animali sono state infettate da Sars-Cov2, queste infezioni non sono causa della Pandemia Covid-19; la pandemia è guidata dalla trasmissione da uomo a uomo". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Come eliminare l'odore di fumo in casa: ecco i consigli

Attualità

"Non più soli", quattro posti alla Misericordia di Rocca San Casciano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento