rotate-mobile
Cronaca

Dal 16 maggio il mercatino straordinario pro-Nepal del Comitato fondato da Annalena

Dal 16 al 19 maggio, presso il Comitato per la lotta contro la fame nel mondo, sito in largo Annalena Tonelli, 1 (già via Lunga 45) a Forlì, si terrà un mercatino straordinario di beni usati a favore delle popolazioni del Nepal duramente colpite dal terremoto

Dal 16 al 19 maggio, presso il Comitato per la lotta contro la fame nel mondo, sito in largo Annalena Tonelli, 1 (già via Lunga 45) a Forlì, si terrà un mercatino straordinario di beni usati a favore delle popolazioni del Nepal duramente colpite dal terremoto. “Nei prossimi giorni – comunica il presidente Roberto Gimelli – individueremo il progetto e l'organizzazione cui indirizzare gli aiuti”. Chi volesse ulteriormente contribuire può indirizzare le offerte tramite il conto IT33 D085 5613 2040 0000 0229 743, specificando la causale “pro Nepal”. Missionari di ogni parte del mondo, ospedali di paesi del “Terzo Mondo” cui vengono inviati medicinali, ambulatori nelle zone più disagiate, lebbrosari, scuole e comunità, emergenze di qualsiasi genere che richiedono anche una presenza attiva, necessità locali che rientrano nelle cosiddette “nuove povertà”: il fronte d’intervento della grande macchina solidale fondata nel 1963 da Annalena Tonelli, abbraccia ormai tutto il globo.

Scorrendo le “Opere e i Giorni 2014”, bilancio di un anno di gratuità, si riesce veramente a disegnare la mappa della povertà mondiale. Spicca l’Africa, quella più nera, da sempre in testa alla classifica benefica degli emuli di Annalena, che si sostengono con la vendita di beni usati di ogni tipo, raccolti in città e comprensorio, o conferiti direttamente nella sede di via Lunga. L’apice dello sforzo, nell’ordine di 45mila euro condiviso con il Comune di Forlì, rimane l’impegno per le scuole di ciechi e sordi di Borama, l’assolata località del Somaliland in cui Annalena ha perso la vita il 5 ottobre 2003. Sempre legato alla martire della carità, a Waijir, in Kenya, l’onlus presieduta da Gimelli ha contribuito con 5.500 euro all’acquisto di mobilio ed attrezzature per la scuola di cucito gestita da Qali, figlia adottiva di Annalena. Nella lista dei poveri del mondo aiutati dal Comitato, fa un certo effetto scorgere il Saharawi.

Nel 1974, duecento degli 800mila abitanti dell’ex Sahara spagnolo hanno scelto la strada dell’esilio nel deserto algerino, pur di non rimanere sotto il giogo militare del Marocco. Se nel 2006 Gimelli e C. acquistarono dieci casette di sabbia per i profughi di una tragedia (volutamente) dimenticata dall’Occidente, e nel 2012 hanno inviato un container con aiuti in collaborazione con l’onlus marchigiana “Rio de Oro” del valore di 4.200 euro, nel 2014 hanno devoluto ben 24.000 euro per la costruzione della casa di accoglienza “Paradiso” per bambini con handicap e relativi familiari. Un salto virtuale dall’altra parte dell’Oceano, ci permette di constatare il contributo di 63.000 euro al missionario forlivese Andrea Francia, impegnato ad Esquipulas, in Guatemala, nella costruzione e conduzione del villaggio di case famiglia per bambini di strada “Ciudad de la Felicidad”.

La vecchia Europa che continua ad arrancare nella crisi, non poteva certo sfuggire al mirino caritativo del Comitato. E’ dal 1995 che l’onlus di via Lunga sostiene il “Progetto Speranza” di Silvana Vignali in Albania. A quattro anni dalla scomparsa della grande missionaria toscana, continua il finanziamento (12mila euro) delle 6 case famiglia per giovani disabili deospedalizzati erette a Scutari, nel nord del paese. Nelle “Opere e i Giorni 2014”, a significare che il Comitato per la lotta contro la fame nel mondo è attentissimo anche alle povertà locali, fa un certo effetto vedere 105.000 euro spesi per l’avvio dell’Emporio della solidarietà. Realizzato nell’ex laboratorio di ebanisteria posto in via Lunga, 43, è promosso dalla Fondazione Buon Pastore - Caritas Forlì e dallo stesso Comitato, con a fianco una fila crescente di sostenitori che per ora ricomprende Ass.I.Pro.V. - Centro Servizi per il Volontariato, Croce Rossa provinciale, Comunità Papa Giovanni XXIII, Associazione San Vincenzo de’ Paoli, Comune di Forlì, Centro di Aiuto alla Vita e Associazione San Francesco Mensa dei poveri. Inaugurato il 5 ottobre 2014, ha già raggiunto la cifra record di 400 famiglie, per un totale di 1.500 persone assistite ogni mese.

Piero Ghetti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal 16 maggio il mercatino straordinario pro-Nepal del Comitato fondato da Annalena

ForlìToday è in caricamento