menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ex Maceria, fogli di via per gli occupanti. L'Anpi si schiera: "Prrovvedimenti eccessivi"

Sui provvedimenti presi nei confronti del gruppo che ha occupato l'ex Maceria e il bar Giardino, scende in campo anche l'Anpi, con il presidente Carlo Sarpieri

Sui provvedimenti presi nei confronti del gruppo che ha occupato l'ex Maceria e il bar Giardino, scende in campo anche l'Anpi, con il presidente Carlo Sarpieri,  che scrive una lettera al gruppo “Innamorati/e della libertà”, confermando di avere seguito le vicende relative alle diverse iniziative messe in campo, ed alle 2 occupazioni, proprio perchè “l’antifascismo era ed è la vostra parola d’ordine di riferimento”. Rispetto ai 47 indagati (quattro dei quali minorenni), 4 fogli di via e 3 avvisi orali,  anche l'Anpi chiede al Prefetto “che, nell’esercizio delle sue prerogative, voglia accogliere i ricorsi presentati contro i provvedimenti restrittivi che sono stati adottati nei confronti delle persone fermate”.

Ancora Sarpieri: “Dimostra, nei fatti, che le modalità da voi adottate per esprimere il vostro legittimo dissenso rispetto agli atti delle istituzioni o per protestare contro la gravissima condizione che caratterizza la vita della parte più debole delle nostre comunità, queste modalità rischiano di portarvi nel vicolo cieco dell’isolamento politico fino al punto di essere percepiti, non dalle istituzioni, ma dai cittadini come qualcosa di estraneo e pericoloso piuttosto che un’opportunità per il sistema democratico.  Anche questa affermazione deriva dall’esperienza per cui sappiamo che quando si opera ai limiti della legalità, con azioni perseguibili sul piano penale, inevitabilmente si finisce per incontrare la reazione forte e spesso sproporzionata dell’autorità preposta alla tutela dell’ordine pubblico. Ed anche a Forlì è accaduto esattamente questo, con un intervento repressivo che è apparso, anche a noi dell’ANPI, eccessivo rispetto ad una protesta che non sembrava avere toccato punte di particolare violenza. Francamente viene da osservare che, in altri momenti durante assai discutibili manifestazioni con uso di slogan, gesti e simboli nazifascisti, non abbiamo visto mai tanta solerzia nell’applicazione della legge e della Costituzione antifascista e ciò nonostante le ripetute sollecitazioni dell’ANPI e di tanti cittadini democratici”.


“Per tutte queste ragioni,  - afferma Sarpieri - e non certo per una cosiddetta par condicio, voglio comunicare a voi, che l’ANPI intende fare proprio il vostro appello e chiedere al Prefetto, cui la presente è inviata per conoscenza, che, nell’esercizio delle sue prerogative, voglia accogliere i ricorsi presentati contro i provvedimenti restrittivi che sono stati adottati nei confronti delle persone fermate. Sarebbe un gesto molto più significativo rispetto a quello della burocratica applicazione degli atti e potrebbe creare una condizione più favorevole ad un’evoluzione positiva per un confronto democratico sui vari temi sollevati dall’iniziativa del
gruppo degli “innamorati/e della libertà”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento