menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Forlì Comune 'rosa': le donne sono il 26% nei cda

Il Comune di Forlì, indicato nel 2010 come "Città più rosa d'Italia" dal Forum della Pubblica Amministrazione, ha introdotto fin dal 2009 strumenti innovativi per promuovere la presenza delle donne nelle società partecipate dall'ente

Il Comune di Forlì, indicato nel 2010 come "Città più rosa d'Italia" dal Forum della Pubblica Amministrazione, per la presenza paritaria nella giunta e nel consiglio, ha introdotto fin dal 2009 strumenti innovativi per promuovere la presenza delle donne nelle società partecipate dall'ente. Infatti con una modifica agli "Indirizzi per nomine e designazioni del Comune presso enti, aziende, istituzioni, fondazioni e società" approvata dal consiglio comunale pochi mesi dopo l'insediamento della giunta Balzani, oltre ai principi di competenza e trasparenza nelle nomine, è stato introdotto un criterio complessivo di riequilibrio di genere.

"Questa modifica - spiega l'assessora alle Pari Opportunità Maria Maltoni -  è frutto di una chiara volontà politica rivolta a valorizzare la presenza e le competenze femminili ed ha prodotto risultati importanti; infatti oggi le donne sono il 26% nei consigli di amministrazione ed il 28% nei collegi sindacali di società ed enti partecipati  dal Comune di Forlì. Se pensiamo che in Italia le donne sono il 4 % nei cda delle aziende pubbliche ed il 7% nelle società quotate, la differenza è notevole. Certo si tratta di andare ancora oltre nella prospettiva di applicazione della normativa nazionale, il cui regolamento attuativo è in itinere e che dovrebbe prevedere al primo rinnovo la presenza del 20% del genere meno rappresentato ed al successivo del 33%. Personalmente ho più volte segnalato l'importanza per le donne di inviare il proprio curriculum ogni volta che sono aperti bandi di selezione per nomine pubbliche. Certo, il fatto che nelle professioni e competenze tecniche le donne siano meno presenti, rischia a volte di penalizzarle nella scelta, come accade anche nel mercato del lavoro alle neolaureate. Ciò che sconcerta è che ci sono strutture e organizzazioni che hanno nella loro compagine sociale numerose presenze femminili, che sembrano non accorgersi che l'aver organismi composti solo da uomini, li priva dell'arricchimento che viene dallo sguardo diverso dei due di generi. Ormai la scusa che le donne non vogliono accettare incarichi non regge più, anche se per loro risulta spesso più impegnativo a causa dei carichi di lavoro familiare non equamente divisi. Si tratta di un dato culturale di arretratezza che purtroppo caratterizza il nostro Paese, rispetto ad altre realtà. Recenti studi statistici hanno evidenziato che le aziende che hanno donne nei cda sono più innovative e che le banche con donne nei cda sono state meno propense ad iniziative con capitali di rischio speculativi e quindi hanno attraversato meglio la crisi finanziaria. L'impegno mio e dell'Amministrazione Comunale - conclude Maltoni - al di là dei positivi risultati del Comune di Forlì che in pochi anni ha più che raddoppiato le presenze femminili nelle società partecipate, continuerà per sensibilizzare, anche con iniziative ed azioni mirate, le realtà che oggi appaiono meno attive sul tema del riequilibrio di genere”.

"La notizia che Forlì nel 2010 sia stata dichiarata Comune Rosa, come affermato dall'Assessore alle Pari opportunità Maria Maltoni  è sicuramente di buon auspicio per il futuro, una percentuale di donne in CDA, pari al 26% con un numero ben superiore di punti percentuali rispetto alla media Italiana è un ottimo risultato - afferma Elisa Petroni, responsabile regionale Fli delle donne -. Il Comune di Forlì ha sicuramente lavorato dal 2009 al tema dell'accesso del gentil sesso in CDA e Collegi Sindacali ma siamo ancora distanti da quelli che sono i paramentri stabiliti dalla legge Golfo - Mosca da poco operativa".

 

"Ci auguriamo - dice Petroni - che questo sia solo l'inizio e che con il tempo si tenga conto anche di proposte nuove che abbiano l'obbiettivo di coniugare le Pari Opportunità soprattutto al tema del Merito. La nostra Proposta di una women's list di meriti e competenze è qualcosa di più di un richiamo e una sensibilizzazione all'invio di Curricula all'apertura dei Bandi pubblici. Crediamo che sia fondamentale creare una lista trasparente, visibile e consultabile da tutti". "Mi sfugge - continua l'esponente del Fli - la presenza di una lista on - line, ad oggi consultabile, di tutti i Curricula dei candidati nei vari bandi pubblici fatti dal Comune di Forlì dal 2009 ad oggi. L'idea di una Women's List consultabile da tutti , aggiornata e soprattutto creata come vero e proprio punto di riferimento potrebbe rappresentare davvero una svolta e dare un segnale concreto di interesse non solo al tema delle pari opportunità ma anche a quello del merito".

"Dobbiamo dar vita a qualcosa di stabile che rappresenti un punto di riferimento e una certezza per tutte le donne meritevoli intenzionate a mettersi in gioco e a ricoprire ruoli in CDA e Collegi Sindacali. Dobbiamo fare il possibile, dice Petroni, per essere pronti alla sfida lanciata dalla Legge Golfo - Mosca e soprattutto dobbiamo essere pronti a creare quegli strumenti che,una volta terminata nel 2020 l'operatività della legge , siano da monito, incentivo e garanzia per la partecipazione di donne e  soprattutto donne di merito", conclude Petroni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento