Un incidente per uccidere la moglie. Lei lo perdona. Il giudice: "Va curato"

Con il capo d'imputazione di tentato uxoricidio, sostenuto dal pubblico ministero Marco Forte, si è presentato davanti al giudice Giovanni Trerè un vigile del fuoco in congedo

Era stato arrestato nell'estate del 2007 con l'accusa di aver chiesto ad uno slavo di causare un incidente stradale nel quale la moglie doveva rimanere uccisa in cambio di una cospicua somma di denaro. Con il capo d'imputazione di tentato uxoricidio, sostenuto dal pubblico ministero Marco Forte, si è presentato davanti al giudice Giovanni Trerè un vigile del fuoco in congedo. Difeso dagli avvocati Menotto e Carlo Zauli, l'imputato è stato condannato ad un anno di libertà vigilata.

Inoltre il giudice ha disposto un programma di risociliazzazione e piano terapeutico e cura del Sert di Forlì. Nel frattempo l'uomo, che all'epoca dei fatti aveva un'amante nel faentino, è stato perdonato dalla moglie. Per la difesa l'ex pompiere era stato colto da una "follia causata dalle pressioni dell'amante".

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

Torna su
ForlìToday è in caricamento