Un incidente per uccidere la moglie. Lei lo perdona. Il giudice: "Va curato"

Con il capo d'imputazione di tentato uxoricidio, sostenuto dal pubblico ministero Marco Forte, si è presentato davanti al giudice Giovanni Trerè un vigile del fuoco in congedo

Era stato arrestato nell'estate del 2007 con l'accusa di aver chiesto ad uno slavo di causare un incidente stradale nel quale la moglie doveva rimanere uccisa in cambio di una cospicua somma di denaro. Con il capo d'imputazione di tentato uxoricidio, sostenuto dal pubblico ministero Marco Forte, si è presentato davanti al giudice Giovanni Trerè un vigile del fuoco in congedo. Difeso dagli avvocati Menotto e Carlo Zauli, l'imputato è stato condannato ad un anno di libertà vigilata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre il giudice ha disposto un programma di risociliazzazione e piano terapeutico e cura del Sert di Forlì. Nel frattempo l'uomo, che all'epoca dei fatti aveva un'amante nel faentino, è stato perdonato dalla moglie. Per la difesa l'ex pompiere era stato colto da una "follia causata dalle pressioni dell'amante".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento