menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Forlimpopoli, l'Artusi e il Carducci riaprono le porte agli studenti del domani

Professori e studenti dei due istituti superiori forlimpopolesi tornano ad incontrare futuri allievi e famiglie nel secondo appuntamento con l'open day dell'Istituto Alberghiero "P. Artusi" e del Liceo "V. Carducci"

Riaprono le porte degli istituti superiori di Forlimpopoli: sabato l'Istituto Alberghiero "Pellegrino Artusi" e il Liceo delle Scienze Umane "Valfredo Carducci" accoglieranno gli alunni delle scuole secondarie di primo grado e le loro famiglie alla scoperta del piano dell'offerta formativa. Dalle 15 alle ore 18, dirigente e professori dell'Istituto Alberghiero offriranno l'opportunità ai futuri allievi e genitori di conoscere e di fare esperienza dei laboratori e degli ambienti adibiti alle attività didattiche dei tre indirizzi di studio, Enogastronomia, Sala-Bar e Accoglienza Turistica, illustrando i tre percorsi formativi.

"Le competenze acquisite da chi frequenta l'Istituto "P. Artusi" - commenta Mariella Pieri, dirigente scolastico - sono veri e propri ingredienti della ricetta per l'occupazione, in quanto immediatamente spendibili nel mondo dei servizi enogastronomici, dell'accoglienza, dell'ospitalità e nella organizzazione di eventi che valorizzino il patrimonio delle risorse ambientali, artistiche e culturali del territorio. Non a caso, la Fondazione Agnelli, che ogni anno stila la classifica delle scuole superiori italiane, ha individuato l'Artusi di Forlimpopoli come il migliore tra gli istituti professionali nella provincia di Forlì-Cesena a preparare l'ingresso nel mondo del lavoro. Ciò significa che l'indice occupazionale per i nostri diplomati è pari al 77% e che per loro l'attesa media prima di un contratto di lavoro significativo è di soli 163 giorni dal conseguimento del diploma. Un dato questo che è sensibilmente aumentato dallo scorso anno e che spicca anche paragonato agli altri istituti alberghieri della Regione".

Dalle ore 15 alle ore 18, anche insegnanti e studenti del Liceo delle Scienze Umane "Valfredo Carducci" incontreranno i futuri alunni e le famiglie per illustrare la specificità della proposta liceale dell'indirizzo Scienze Umane, tesa a favorire una formazione con ampie basi culturali e strumenti per proseguire gli studi universitari con particolare riguardo a quelli che preparano alla professione docente, psicologo, esperto dei servizi educativi, sociali e sanitari. In più, per il Liceo Carducci, oltre alla nuova classe prima del percorso quinquennale, ad ampliare l'offerta formativa c'è anche la proposta del percorso quadriennale incentrato sull'innovazione metodologico-didattica, sull'acquisizione di specifiche competenze disciplinari e di competenze trasversali, sulla valorizzazione di attività laboratoriali, in una prospettiva che guidi gli studenti lungo l'asse interdisciplinare e multiculturale dei saperi e l'integrazione degli insegnamenti.

"Il Liceo Carducci - spiega il dirigente scolastico Mariella Pieri - si conferma l'unico istituto ad indirizzo umanistico-sociale nella provincia di Forlì-Cesena ad offrire il percorso breve e l'unico Liceo delle Scienze Umane a farsi in quattro nella regione Emilia-Romagna, uniformandosi alla realtà europea e in sinergia col mondo dell'università e del lavoro. In particolare, è prevista una rimodulazione del calendario scolastico, per cui le attività didattiche si svolgeranno dal lunedì al venerdì con un rientro pomeridiano, le lezioni inizieranno come da calendario regionale e termineranno il 30 giugno per consentire progetti di alternanza scuola-lavoro, mentre il sabato sarà dedicato agli insegnamenti opzionali, tra cui corsi di inglese per il conseguimento delle certificazioni internazionali, corsi di etica ed economia, educazione alla felicità e al patrimonio culturale".

Quindi, malgrado il percorso breve, "non ci sarà nessuno sconto sugli obiettivi formativi - ci tiene ancora a sottolineare il dirigente scolastico - in quanto il Liceo Carducci assicurerà il raggiungimento delle competenze e degli obiettivi specifici di apprendimento previsti per il quinto anno, nel rispetto delle Indicazioni Nazionali e dalle Linee Guida".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento