rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Cronaca

Inquinanti in città, sono le unghie a dare il responso: metalli in due bimbi su tre

L'iniziativa si svolse nel 2017 e vide coinvolti i quartieri della città

Giovedì sera al Foro Boario si è tornati a parlare del progetto "Difendiamo l'ambiente con le unghie", il biomonitoraggio dei metalli pesanti nelle unghie dei bambini di Forlì. L'iniziativa si svolse nel 2017 e vide coinvolti i quartieri della città. I campioni furono analizzati a Torino in un laboratorio specializzato. Su 221 esami è emerso che il 76% dei bambini presenta cadmio, metallo considerato cancerogeno di categoria 1, con un +60% di inquinanti nelle zone nord ed est rispetto al resto del territorio.

"L'inquinamento a Forlì ha già da tempo superato il livello di guardia e ci ha fatto guadagnare posizioni da record nella classifica delle patologie tumorali - osservano dal Popolo della Famiglia -. Ulteriore motivo di preoccupazione è Il dato dell' aumento significativo degli aborti spontanei nelle aree adiacenti agli inceneritori. Il tema della tutela della salute e del rispetto dell'ambiente costituisce uno dei cardini del programma che il Popolo della Famiglia di Forlì ha elaborato per la nostra città".

"Se ancora non è possibile eliminare le emissioni degli inceneritori, è però praticabile la soluzione di adottare accorgimenti tecnici per migliorarne l' efficienza e ridurre così l' inquinamento. È grave, inoltre, che per mancanza di fondi  non siano stati eseguiti esami fondamentali come l'analisi del capello (mineralogramma) e l'analisi dei metalli pesanti nei terreni, perché ciò impedisce di avere il quadro completo delle informazioni e l'esatta conoscenza delle cause degli agenti inquinanti", viene aggiunto. Il Popolo della Famiglia ritiene "doveroso l'investimento di fondi pubblici da destinare a studi seri e imparziali sulla situazione ambientale della nostra città a tutela della salute pubblica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinanti in città, sono le unghie a dare il responso: metalli in due bimbi su tre

ForlìToday è in caricamento