menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Istituto agrario a Forlì, l'impegno delle istituzioni: iscrizioni ancora aperte

Come da programma, è stato istituito dalla Provincia il Tavolo di presidio e monitoraggio dello stato di attuazione delle attività e di tutti i processi necessari a garantire l'attivazione dell'indirizzo

Proseguono a spron battuto le attività di sviluppo del progetto di apertura dell'indirizzo Agricoltura, Sviluppo Rurale, valorizzazione dei prodotti del territorio e gestione delle risorse forestali e montane dell'Istituto Professionale Ruffilli di Forlì. Come da programma, è stato istituito dalla Provincia il Tavolo di presidio e monitoraggio dello stato di attuazione delle attività e di tutti i processi necessari a garantire l'attivazione dell'indirizzo.

Al fine di proporre ai potenziali studenti un'offerta formativa di massima qualità, la Provincia svolge il monitoraggio del rispetto sia delle fasi necessarie per l'attivazione del nuovo indirizzo di studi professionali sia dei tempi concordati, e garantisce un corretto rapporto tra le istituzioni e le imprese che sostengono il progetto. Ampia la compagine del Tavolo di presidio, nel quale siedono, oltre alla Provincia e all'Istituto Ruffilli, anche l'Ufficio Scolastico Territoriale, il Comune di Forlì, le associazioni datoriali, di categoria e le imprese aderenti all'iniziativa (Cna, Confartigianato, Coldiretti, Confagricoltura), le forze sindacali, nonché i rappresentanti del Comitato Ruffilli, della Fondazione I.Zoli e della Fondazione Multifor. C'è inoltre il sostegno del Collegio degli Agrotecnici e Agrotecnici laureati a favore dei ragazzi che frequenteranno questo nuovo indirizzo, espresso anche con la previsione di borse di studio e di altre provvidenze.

“Nell'incontro di mercoledì scorso tenutosi in Provincia, è stata ampia la partecipazione e la soddisfazione espressa dal mondo datoriale e sindacale in particolare, per il risultato rispondente ai fabbisogni formativi e professionali di un territorio a forte vocazione agricola - afferma il consigliere provinciale delegato all'Istruzione ed Edilizia Scolastica del Comprensorio Forlivese, Valentina Ancarani -. La mancanza sul nostro territorio di un percorso professionale dedicato ha di fatto creato un vuoto di opportunità per i giovani e per le imprese del nostro territorio operanti nel settore agricolo ed agroindustriale, un settore a forte espansione anche occupazionale e in forte evoluzione. Per questi motivi, è stata sottolineata dai rappresentanti del settore, sempre più all'avanguardia, la necessità di professionisti educati all'innovazione e formati anche all'utilizzo delle nuove tecnologie. Siamo pienamente convinti che la valorizzazione dell'agro-alimentare "Made in Italy" sia la strategia vincente per le aziende agricole nostrane e per l'economia in genere. In questa direzione va l'impegno organizzativo di tutti i componenti del Tavolo".

Chiude il dirigente scolastico reggente dell'Istituto Professionale Ruffilli, Marco Molinelli: "Gli studenti di terza media che vogliono essere protagonisti della valorizzazione del patrimonio rurale ed agroalimentare del nostro territorio, anche attraverso le nuove tecnologie, e che hanno a cuore la sostenibilità ambientale, se sono interessati ad intraprendere questo tipo di percorso formativo possono ancora iscriversi all'Istituto Professionale “Ruffilli” di Forlì per il prossimo anno scolastico".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento