menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nella foto Antonella e Icilio Milanesi, titolari della ditta MEA, i sindaci Gabriele Zelli e Rosaria Tassinari, il presidente dell'ASP Alfredo Boschini

Nella foto Antonella e Icilio Milanesi, titolari della ditta MEA, i sindaci Gabriele Zelli e Rosaria Tassinari, il presidente dell'ASP Alfredo Boschini

La ditta Mea di Dovadola dona defibrillatore: sarà usato in un'Asp a Rocca

Il sindaco Zelli ha ricordato che il precedente defibrillatore è stato assegnato alla società di calcio Real Dovadola, la quale, dovendo affrontare un campionato di serie superiore, avrebbe dovuto dotarsi obbligatoriamente dell'apparecchio.

Icilio, Romana e Antonella Milanesi, titolari della ditta Mea, hanno donato un secondo defibrillatore automatico di nuovissima generazione, adatto anche al cuore dei bambini, all'Amministrazione comunale di Dovadola, immediatamente concesso in uso all'Asp del Forlivese affinché possa esserne dotata la casa di riposo di Rocca San Casciano. L'atto di consegna è avvenuto sabato nella sede dell'ex Ipab Zauli, alla presenza, oltre che dei donatori, dei sindaci Rosaria Tassinari e Gabriele Zelli, del vice sindaco Kabir Canal, del presidente e della direttrice dell'Asp del Forlivese, Alfredo Boschini e Barbara Bresciani, della coordinatrice della Zauli, Claura Fabbrica.

Durante gli interventi è stato messo in risalto un nuovo modo di concepire l'amministrazione del territorio; sottolineando il fatto che la ditta Mea, operando da diversi decenni presso la località Casone di Dovadola, vada considerata perlomeno patrimonio di tutta la collettività della vallata dell'Acquacheta. È quindi logico che uno strumento che può salvare vite umane possa essere utilizzato da una struttura che, pur non avendo la sede nel territorio dovadolese, attraverso l'Asp offre servizi indispensabili all'intera popolazione del comprensorio forlivese.

Così come quando si è trattato di salvare la Zauli sono stati tutti e quindici i comuni dello stesso comprensorio a prende le conseguenti deliberazioni Il sindaco di Dovadola, nel ringraziare a nome di tutti la ditta Mea, ha ricordato che il precedente defibrillatore è stato assegnato alla società di calcio Real Dovadola, la quale, dovendo affrontare un campionato di serie superiore, avrebbe dovuto dotarsi obbligatoriamente dell'apparecchio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento