Piante da frutto a rischio estinzione: a Calafoma nascerà il "Giardino della Biodiversità"

Dopo l'incontro tenutosi lunedì scorso, nei prossimi giorni si passerà a definire l'accordo tra le parti e a sviluppare il progetto nel dettaglio

L’azienda agricola agrituristica Calafoma di Forlì avvia una collaborazione con l’associazione Patriarchi della Natura in Italia, costituita nel 2006 su iniziativa di alcuni naturalisti romagnoli che da tempo erano impegnati nel monitoraggio degli alberi monumentali. "Abbiamo affrontato il tema della sostenibilità ambientale e di come poter collaborare per contribuire al miglioramento della qualità ambientale, favorendo la tutela e valorizzazione della biodiversità in aree protette come l'ambito fluviale in cui è inserita l'azienda agrituristica", spiega il presidente dell'associazione, Sergio Guidi.

Il progetto, prosegue Guidi, prevede "la piantumazione di una serie di circa 40-50 gemelli e figli dei patriarchi autoctoni della nostra e di altre regioni d'Italia. Tale progetto avrà come obiettivo primario la tutela e valorizzazione dei patriarchi arborei nonché favorire la conoscenza, e quindi il rispetto, da parte del vasto pubblico che frequenta l'agriturismo stesso. L'idea è quella di mettere a dimora i gemelli delle piante da frutto più antiche e a rischio di estinzione al fine di conservarne per il futuro il prezioso corredo genetico, essendo di fatto queste le piante più rustiche e resistenti alle avversità climatiche e parassitarie, da considerarle più idonee per l'agricoltura sostenibile e pulita del futuro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' stata proposta inoltre "anche la messa a dimora, in altro luogo da individuare all'interno dell'area di Calafoma, di gemelli o figli dei grandi patriarchi arborei forestali italiani, che hanno superato i secoli, sempre al fine di conservarne il germoplasma utile per poter produrre in futuro piante longeve e dotate di grande adattamento al nostro ambiente". Dopo l'incontro tenutosi lunedì scorso, nei prossimi giorni si passerà a definire l'accordo tra le parti e a sviluppare il progetto nel dettaglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • La Bidentina si macchia di sangue: schianto contro un albero, perde la vita sotto gli occhi della fidanzata

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: nuovi contagiati riconducibili a focolai già noti

  • Commando armato assalta una villa: minuti di terrore per una famiglia

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento