Primo maggio col Garbino, le raffiche sfiorano gli 80 km/h. Diversi interventi dei Vigili del Fuoco

Garbino protagonista nel venerdì di festa, con raffiche di vento particolarmente intense nel primo pomeriggio

Foto di repertorio

Doveva essere un primo maggio ventoso e così è stato. Garbino protagonista nel venerdì di festa, con raffiche di vento particolarmente intense nel primo pomeriggio. A Forlì la più intensa è stata registrata alle 13, con l'anenometro della stazione meteo dell'Arpae che ha toccato una punta di 78.12 chilometri orari. I venti di caduta dall'Appennino hanno visto la colonnina di mercurio oltre i 20°C, con una massima di 21.6°C. I Vigili del Fuoco sono stati impegnati in alcuni interventi per la messa in sicurezza di alberi o pali pericolanti.

Le previsioni per sabato indicano la possibilità di episodi temporaleschi nel pomeriggio. Al mattino si attende nuvolosità variabile con ampie zone di sereno nelle aree di pianura. Nel pomeriggio tendenza ad addensamenti di tipo cumuliforme, con possibili precipitazioni a carattere sparso, localmente a carattere di rovescio o temporale, più probabili sul settore centro-orientale. Le temperature minime sono attese in aumento, tra 16 e 17°C, mentre le massime oscilleranno tra 22 e 26°c. I venti saranno deboli occidentali.

Domenica si annuncia soleggiata, con possibili rovesci pomeridiani sui rilievi. Le temperature non subiranno particolari variazioni di rilievo. La settimana dell'inizio della "fase 2" sarà stabile grazie alla presenza di un campo di alta pressione.

Foto di repertorio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento