Covid-19, la fotografia dei casi in Emilia Romagna: i bimbi tra i meno colpiti, tre morti tra gli under 30

In Emilia-Romagna si sono registrati 27.928 casi di positività, 20 in più rispetto a domenica, di cui 15 persone asintomatiche individuate attraverso l’attività di screening regionale

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 27.928 casi di positività, 20 in più rispetto a domenica, di cui 15 persone asintomatiche individuate attraverso l’attività di screening regionale. I tamponi effettuati sono 5.010, che raggiungono così complessivamente quota 360.962, più 3.001 test sierologici. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Le nuove guarigioni sono 62, per un totale di 21.467: oltre il 76% sul totale dei contagi dall’inizio dell’epidemia. Continuano a calare i casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi, che a oggi sono 2.282 (-46 rispetto a domenica). Questi i dati - accertati alle ore 12 di lunedì sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Le persone in isolamento a casa, cioè quelle con sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 2.012 (l’88% di quelle malate), 39 in meno rispetto a domenica. I pazienti in terapia intensiva sono 31 (-1). Diminuiscono anche quelli ricoverati negli altri reparti Covid, scesi a 239 (-6). Le persone complessivamente guarite salgono quindi a 21.467 (+62): 554 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 20.913 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. L'88% dei positivi si trova in isolamento domiciliare, l'11% è ricoverato in ospedale, mentre l'1% si trova in terapia intensiva.

Purtroppo, si registrano 4 nuovi decessi: due uomini e due donne. Complessivamente, in Emilia-Romagna i decessi sono arrivati a 4.179 Per quanto riguarda la provincia di residenza, 2 decessi si sono avuti nella provincia di Parma, 1 in quella di Bologna (nessuno nell’Imolese). Nessun decesso nelle province di Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Ravenna, Rimini e da fuori regione. Questi i nuovi casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.506 a Piacenza (+3), 3.567 a Parma (+7), 4.962 a Reggio Emilia (+3), 3.927 a Modena (dato invariato), 4.652 a Bologna (+3); 398 a Imola (dato invariato); 999 a Ferrara (dato invariato). I casi di positività in Romagna sono 4917 (+4), di cui 1.030 a Ravenna (+2) e 2.161 a Rimini (+1).

ll consueto Report della Regione approfondisce l’analisi del contagio: nel 53% dei casi il virus ha colpito le donne, per un totale di 14.738 contagiate, mentre il restante 47% ha interessato gli uomini (13.167). Per quanto concerne i decessi, vi sono stati più morti tra gli uomini: 2.408 (58%) a fronte delle 1.767 vittime femminili (42%). Questa la suddivisione per fascia d'età dei casi: 242 tra i 0 e 9 anni, 508 tra 10 e 19 anni, 1.711 tra 20 e 29 anni, 2.351 tra 30 e 39 anni, 3.765 tra 40 e 49 anni, 4.848 tra 50 e 59 anni, 3.743 tra 60 e 69 anni, 4.074 tra 70 e 79 anni, 4.576 tra 80 e 89 anni e 2.090 tra gli over 90. Per quanto riguarda i morti, vi sono stati tre decessi nella fascia 20-29 anni, otto nella fascia 30-39, ventiquattro tra 40-49, 119 tra 50-59, 390 tra 60-69, 1.056 tra 70-79, 1.701 tra 80-89 e 874 tra gli over 90.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento