menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
“Capanna di Betlemme”.

“Capanna di Betlemme”.

Sabato la "Notte dei Senza Dimora": "dormiremo per strada"

La Comunità Papa Giovanni XXIII sale alla ribalta per due iniziative di grande spessore umanitario. La prima, la "Notte dei Senza Dimora", andrà in scena sabato, alle 19.30, al bar "L'Urlo", in via Marcolini. Domenica inaugurazione ufficiale della Capanna di Betlemme

“Per una notte tutti senza dimora: dormiremo per strada”. La Comunità Papa Giovanni XXIII sale alla ribalta per due iniziative di grande spessore umanitario: la “Notte dei Senza Dimora” e l'inaugurazione ufficiale della Capanna di Betlemme di Borgo Sisa. La prima andrà in scena sabato, alle 19, al bar “L'Urlo, in via Marcolini, 4. Alla cena con hamburger, piadina e patatine fritte e il saluto del vice presidente della Provincia di Forlì-Cesena Gugliemo Russo e dell'assessore al Welfare del Comune di Forlì Davide Drei, seguirà, alle 21, un “mix” di gruppi musicali giovanili nel grande cortile interno del Centro culturale San Francesco.

Alle 21.30 si attiverà il maxischermo per un collegamento con le Capanne di Betlemme in Italia e nel mondo, le realtà di accoglienza della Comunità Papa Giovanni XXIII per i senzatetto. All'una, al termine dell'ora di adorazione eucaristica nella chiesa San Francesco, in corso Garibaldi, la serata culminerà nel momento più intenso: passare la notte dormendo in strada.

“Abbiamo deciso questo gesto - dichiara il responsabile forlivese della Papa Giovanni, Daniele Severi - per risvegliare l'attenzione verso coloro che sulla strada ci vivono ogni giorno e ogni notte: persone senza più un lavoro, una casa, un letto, né un tetto. Invitiamo tutti a partecipare - continua Severi - per condividere questo importante momento e denunciare la situazione di solitudine in cui vive il crescente numero di persone che non ha altra casa se non la strada”.

L'evento è stato inserito anche su “facebook”: “Prepariamoci per la notte: prendete i sacchi a pelo e uscite in strada”. La “Notte dei Senza Dimora” è apparsa per la prima volta a Milano nel 2000, diffondendosi poi in tutta Italia per riunire idealmente le associazioni e le persone sensibili al dramma dei senza tetto. Superata la notte, l'attenzione non si spegne. Domenica, la Comunità Papa Giovanni XXIII, il Comune di Forlì e il Comitato di Quartiere di Borgo Sisa inaugurano la “Capanna di Betlemme”.

E' un'immobile comunale con ben 18 posti letto ricavato dalle vecchie scuole elementari di Borgo Sisa: chi vive in strada ed è in situazione di bisogno, troverà accoglienza in un ambiente di tipo familiare per una notte. Per chi decide di intraprendere un percorso di reinserimento sociale, sarà possibile rimanere anche per periodi più lunghi. 

Il programma della manifestazione prevede, alle 13, il pranzo comunitario servito nella sede della Capanna, cui seguirà, alle 16.30, il taglio del nastro e la benedizione della struttura, a cura del sindaco di Forlì Roberto Balzani e del vicario generale della Diocesi di Forlì-Berinoro, monsignor Dino Zattini. Porteranno un saluto i rappresentanti degli enti e delle associazioni che hanno collaborato all'avvio dell'importante progetto solidale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento