Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Spariscono in un amen monili per 20mila euro: a segno la truffa del gas

Un anziano è stato derubato nel cuore della mattinata di lunedì da un finto tecnico del gas

Il bottino è importante: 20mila euro in monili. Un anziano è stato derubato nel cuore della mattinata di lunedì da un finto tecnico del gas. L'episodio, ricostruito dagli agenti delle Volanti dell'Ufficio Prevenzione Generale della Polizia di Stato di Forlì, è avvenuto nella zona di via Risorgimento. La strategia adottata dal malvivente è quella collaudata: ha bussato alla porta della preda con la scusa di una fuga di gas, cogliendo poi l'occasione per derubarla dei preziosi che aveva in casa.

In particolare, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, aveva suggerito all'uomo di riporre i preziosi che custodiva in frigorifero per proteggerli da eventuali danni. In un momento di distrazione della vittima, il truffatore ha messo le mani sui preziosi. Quindi con una scusa si è allontanato, insieme al bottino. Solo quando si è accorto del furto il malcapitato ha contattato le forze dell'ordine, fornendo una sommaria descrizione fisica del soggetto di come era vestito.

Le raccomandanzioni di Hera

Hera mette in guardia i cittadini, fornendo alcune informazioni utili a tutela della loro sicurezza. L'azienda ricorda "che i propri operatori sono sempre identificabili dalla divisa e dal tesserino di riconoscimento e non sono autorizzati ad intervenire ugli impianti interni, tranne nei casi di sostituzione, manutenzione o lettura dei contatori quando posizionati all’interno dell’abitazione. Questo vale anche per le società terze che svolgono tale servizio per conto di Hera. Pertanto, qualora qualcuno si presentasse autonomamente a domicilio per la verifica dei sistemi idraulici, elettrici o del gas all’interno delle abitazioni, non può trattarsi di un operatore del Gruppo. Il personale del Gruppo Hera o di società di lettura incaricate dal Gruppo effettua inoltre la lettura periodica dei contatori acqua e gas, indipendentemente dall’utilizzo dell’autolettura da parte del cliente e, nel caso del gas, dalla società di vendita con la quale il cliente ha sottoscritto il contratto. Nel caso in cui il contatore sia all’esterno dell’abitazione, il letturista non avrà bisogno di chiedere l’accesso".

Dal primo luglio 2016, viene precisato, "il personale e i mezzi Hera che gestiscono sul territorio dell’Emilia-Romagna il servizio di distribuzione gas ed energia elettrica, e il relativo pronto intervento, sono identificati dal nome di Inrete Distribuzione Energia. Il personale di Inrete si occupa anche dell’istallazione dei nuovi contatori gas, nell’ambito del piano di sostituzione massiva dei vecchi apparecchi. E’ bene precisare che tutti i dati relativi ai clienti sono già in possesso del Gruppo Hera, coperti da privacy. Nel caso in cui venga richiesto di visionare le bollette, si precisa che questi documenti contengono dati personali che, in quanto tali, il cliente non è tenuto a mostrare a nessuno, a meno che questo non rappresenti una sua libera scelta".

Hera chiarisce che "esiste un’altra categoria di operatori che possono, talvolta, contattare il cliente presso il proprio domicilio: si tratta degli agenti di Hera Comm, la società commerciale del Gruppo Hera, che si rivolgono ai clienti per presentare le nuove offerte luce e gas a mercato libero. Sono riconoscibili grazie a un tesserino che indossano e che contiene nome e cognome, foto e il logo “Hera Comm – Agenzia autorizzata”. Per avere la massima sicurezza, è anche possibile chiamare il Servizio Clienti Hera e chiedere conferma rispetto al nominativo dell’addetto che si reca a domicilio, poiché gli operatori del numero verde Hera dispongono dell’elenco costantemente aggiornato di tutti gli agenti autorizzati. Questi agenti potrebbero anche richiedere informazioni sui consumi e le bollette, in quanto non sono in loro possesso. In nessuna circostanza, l’operatore, il letturista o l’agente autorizzato da Hera Comm possono effettuare incassi o rimborsi di denaro. Inoltre mai alcun operatore è stato incaricato da Hera della vendita di apparecchiature relative agli impianti interni del gas o per la sicurezza domestica".

Hera invita in ogni caso "a segnalare direttamente i casi sospetti al proprio Servizio Clienti (800.999.500 per le utenze domestiche, 800.999.700 per le utenze non domestiche, entrambi gratuiti sia da fisso che da cellulare), attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e al sabato dalle 8 alle 18, e alle autorità competenti chiamando il 112 o il 113".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spariscono in un amen monili per 20mila euro: a segno la truffa del gas

ForlìToday è in caricamento