Il coronavirus non ferma i malviventi: attenzione ai tentativi di truffa agli anziani

. La raccomandazione è unica: non dare adito alle richieste, perchè dall'altra parte della cornetta c'è un malvivente

C'è chi non ha scrupoli davanti all'emergenza coronavirus. Continuano infatti i tentativi di truffa a scapito delle persone anziane e non. Telefonate nelle quali vengono richieste condizioni di salute o viene offerto un trasporto in ospedale. La raccomandazione è unica: non dare adito alle richieste, perchè dall'altra parte della cornetta c'è un malvivente. Nelle scorse settimane il comando provinciale dell'Arma di Forlì-Cesena aveva sensibilizzato gli anziani, consigliando di chiamare direttamente il più vicino comando dei Carabinieri in modo da poter accertare in anticipo e tramite l'Ausl l'attendibilità del controllo. "Tutto questo allo scopo di prevenire truffe o forti in abitazione messi in atto da falsi medici o addetti dell'Ausl incaricati di svolgere controlli ed accertamenti nelle abitazioni'', recita l'informativa dell'Arma.

L'invito dell'Ausl Romagna e della Procura è di "diffidare dei sedicenti operatori sanitari che propongono di fare a domicilio il tampone per il Coronavirus. Suonano al citofono, o chiamano a casa, spacciandosi per volontari, o operatori sanitari e millantano finti tamponi per le analisi del Coronavirus. Ovviamente si tratta di truffatori che, a volte, esibiscono anche tesserino di riconoscimento dell’Azienda sanitaria, che fingono di essere stati mandati per prestare assistenza sanitaria a domicilio e per effettuare il tampone necessario per scoprire l’eventuale contagio. Anche i tamponi, come i tesserini sono falsi : uno strumento per entrare in casa di cittadini preoccupati e spaventati e rubare contanti, gioielli e oggetti di valore".

Per evitare che si commettano reati del genere, la Procura e l'Ausl avvisano i cittadini "che le modalità di comportamento in caso di sintomatologia collegabile al Coronavirus (febbre e sintomi respiratori) consistono nel non accedere direttamente alle strutture di Pronto Soccorso, ma contattare il proprio medico di medicina generale o, in caso di emergenza, il numero 118. Solo in seguito alla richiesta dell’interessato si presenterà il personale sanitario al domicilio del paziente ad effettuare il tampone e nell’ipotesi di risultato positivo, il soggetto sarà trasferito con mezzi del 118 appositamente attrezzati nei reparti ospedalieri di malattie infettive. Nel dubbio sull'identità di coloro che si dovessero presentare al domicilio senza alcuna richiesta da parte dell’interessato, i cittadini possono sempre rivolgersi alla autorità e alle Forze dell’ordine, oppure chiamare il Dipartimento di Sanità Pubblica, contattando il centralino allo 0543/731111".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento