Cronaca

Raggiro tra web e telefono: “Truffato di 4.000 euro da un sms e da un finto operatore di Poste”

La truffa corre ancora una volta tramite i messaggi sul telefono, che chiedono di effettuare operazioni varie tramite i servizi di home banking oppure di gestione di carte prepagate

La truffa corre ancora una volta tramite i messaggi sul telefono, che chiedono di effettuare operazioni varie tramite i servizi di home banking oppure di gestione di carte prepagate. A farne le spese è stato un cittadino forlivese che segnala l'ammanco di 4.000 euro dalla sua carta Postepay per una truffa partita da un sms intestato 'PosteInfo', che chiedeva un'operazione di aggiornamento per non subire il blocco della carta. Una volta avviata la procedura, il cittadino truffato è stato contattato da un finto operatore di Poste Italiane, con il classico rimbalzo tra procedura automatica sul web e raggiro telefonico. Una truffa ben architettata, per fortuna però caduta nei radar delle operazioni segnalate come anomale.

Spiega lo stesso utente: “Nella giornata del 14 maggio scorso ho subito un raggiro web e telefonico e mi è stato quasi prosciugato del tutto il mio conto Postepay, la cifra che mi è stata sottratta è di 4.000 euro. Il tutto è iniziato con un sms. Avendo paura che mi venisse bloccata la carta ho premuto sul link e mi si è aperta una pagina con l'intestazione praticamente uguale a Poste Italiane e in questa pagina mi venivano richiesti i dati della mia carta per completare questo fantomatico aggiornamento che mi chiedevano, dati che i purtroppo ha scritto”. A quel punto, segno che i truffatori non sono sprovveduti ma anzi agiscono con la capacità di fingersi operatori telefonici professionali, arriva una chiamata dal numero "0115551", si presenta questo uomo che mi dice di essere un operatore di Poste Italiane e che i dati che avevo appena messo erano sbagliati e mi manda poi altri link e codici dove mi indica di cliccare e di mettere quei codici per completare l'aggiornamento”.

Il truffatore chiede se ho un secondo telefono in casa e chiama anche a quel numero “perché probabilmente penso che non riuscisse a completare l'operazione”, spiega il truffato. “Ni fa digitare dei codici strani con asterischi, cancelletti e numeri e mi dice di premere il tasto verde e lo schermo del cellulare diventa più scuro per qualche secondo e torna poi normale, e infine mi dice che l'aggiornamento è completato e di dare poi un voto ai servizi”, continua. E' probabile che possa essere anche solo una finta operazione per tenere impegnato il truffato, mentre un complice porta a termine le operazioni del finto pagamento. 

Quindi l'amara sorpresa: “Neanche un minuto dopo ricevo la chiamata di Poste, dove mi dicono che è stata fatta un operazione anomala sul mio conto e mi hanno chiesto se ero stato io a fare questo postagiro di 4.000 euro, rispondo ovviamente che non ho fatto nessun pagamento e così hanno poi provveduto al blocco della carta e mi hanno detto di fare la denuncia e il disconoscimento della cifra.  Cosa che ho fatto subito la mattina seguente e mi hanno detto di aspettare entro 60 giorni una risposta a questa richiesta”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raggiro tra web e telefono: “Truffato di 4.000 euro da un sms e da un finto operatore di Poste”

ForlìToday è in caricamento