menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aeroporto dato per spacciato: politici divisi

Alessandro Rondoni, capogruppo del Pdl chiede che cosa l'Amministrazione Comunale intende fare per salvaguardare l'attività dell'Aeroporto Ridolfi

Siamo agli sgoccioli, “visto che dalle dichiarazioni fatte precedentemente dal sindaco in Consiglio Comunale si evince che, in assenza di interventi entro il 30 aprile, ormai prossimo, la Seaf è destinata alla liquidazione – Alessandro Rondoni, capogruppo del Pdl  chiede - che cosa l’Amministrazione Comunale intende fare per salvaguardare l’attività dell’Aeroporto Ridolfi, infrastruttura determinante per lo sviluppo del nostro territorio”.

Sullo stesso argomento interviene Nicola Candido, segretario del Partito della Rifondazione Comunista – FdS. “Tecnicamente è una liquidazione, concretamente è un fallimento politico e uno sperpero di fondi pubblici. Mentre vengono chiesti ai cittadini sacrifici di ogni genere, aumento delle tasse (IMU, IRPEF), taglio dei servizi, rinuncia a diritti fondamentali di tutela del lavoro, precarietà pervasiva, si spendono fondi pubblici per mantenere un baraccone come l’aeroporto di Forlì”.

“Oggi, - continua Candido - dopo 10 milioni di euro spesi solo dal Comune di Forlì (complessivamente sono più di 30) siamo sempre allo stesso punto, ma con tanti soldi in meno per i cittadini. Per mantenere una struttura con ricadute solo propagandistiche, voluta sia dal centrodestra che dal Pd, si è perseverato in un progetto sbagliato e non commisurato alle vere esigenze del territorio forlivese”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento