menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Civis, l'assessore Pettetta: "Pieraccini si informi prima di parlare"

Anche l'assessore ai lavori pubblici Giuseppe Petetta, chiamato indirettamente in causa, risponde alle critiche del segretario del Pd Pieraccini, in merito alle presunte concessioni nei confronti dell'Onlus Civis

Anche l'assessore ai lavori pubblici Giuseppe Petetta, chiamato indirettamente in causa, risponde alle critiche del segretario del Pd Pieraccini, in merito alle presunte concessioni nei confronti dell'Onlus Civis: “Prima di esprimere il proprio dissenso direttamente alla stampa il segretario locale del Pd avrebbe dovuto informarsi presso l'assessorato o gli uffici competenti e avrebbe avuto, come ogni cittadino, una risposta alle sue perplessità. A questo punto occorre chiarire i procedimenti attuati, al fine di evitare una sterile strumentalizzazione”.

“Castrumcari utilizzava da tempo un locale come magazzino inadeguato e senza alcuna convenzione, soprattutto per conservare le sedie usate per gli eventi. Gli Alpini avevano in uso da molti lustri una seconda sede, con magazzino aperto, senza convenzione, in aggiunta a quella posta sotto la rocca di Castrocaro. A fronte della richiesta di una sede per l’associazione Civis e della necessità di Castrumcari di locali più adatti alle sue necessità, volendo eliminare situazioni irregolari nell’uso di beni comunali, si è deciso di intervenire sulle disponibilità non ancora convenzionate. - spiega Petetta - Fatti i dovuti incontri con tutti gli interessati, si è stabilito di assegnare, con la necessaria regolare convenzione, in comodato gratuito e con spese per le utenze a carico delle associazioni, il locale in via Battanini a Castrumcari e quello posto in piazza Martelli a Civis. In un secondo momento, dovendo la ONLUS Civis stivare e manutentare in maniera agevole le attrezzature messe a disposizione del Comune e della collettività tramite le associazioni locali di volontariato, si è individuato l’ambiente assegnato alla Polizia Municipale per il ricovero dell’auto e della moto in loro dotazione. Ovviamente prima è stato individuato, adeguato e conferito ai vigili urbani un nuovo locale autonomo e indipendente, all’interno del magazzino comunale, atto ad accogliere agevolmente i mezzi della PM. A tal proposito non ci risulta che l’auto debba essere lasciata all’aperto per carenza di spazi coperti, ma solo per esigenze di servizio o di comodità degli addetti”.


“Inoltre – continua l'assessore - si è provveduto a stilare una specifica convenzione abbinata ad un regolamento per la gestione delle attrezzature della Civis anche a vantaggio del Comune e delle altre associazioni.  In ordine alla durata dei contratti, la nostra amministrazione ha assunto tale orientamento, 6 anni, per le nuove convenzioni e per le eventuali future di competenza di questo mandato, sulla traccia della validità temporale dei contratti di affitto. A parte le affermazioni strumentali o disinformate, il segretario locale del PD, chiede in merito alle richieste pendenti di sede. Si comunica quindi che una è già stata parzialmente soddisfatta, un’altra è in via di definizione. In ogni caso il magazzino assegnato alla Civis non ha sicuramente le caratteristiche per l'utilizzo come sede sociale dei richiedenti e la sua destinazione è finalizzata al bene comune poiché immagazzina mezzi e attrezzature finora sparsi in vari siti, per la magnanima disponibilità di associazioni e privati, complicando una gestione ottimale e collettiva”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento