rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Politica

Inceneritore, Morrone attacca il Pd: "Tra un po' diranno che fa bene alla salute..."

"Il Segretario del Partito Democratico Valentina Ancarani "sta giocando con il fuoco" non si scherza con la salute dei cittadini. Gli esponenti del Partito Democratico a dir poco imbarazzanti" dice Jacopo Morrone

“Il Segretario del Partito Democratico Valentina Ancarani “sta giocando con il fuoco” non si scherza con la salute dei cittadini. Gli esponenti del Partito Democratico a dir poco imbarazzanti - fra poco ci diranno che l’inceneritore fa bene alla salute”. Sono le prime parole dell’intervento di Jacopo Morrone, vice Segretario Nazionale della Lega Nord Romagna. “Qualcuno spieghi agli illustri esponenti del Partito Democratico che i cittadini di Forlì non hanno una “anella al naso” e sono in grado di comprende che a Forlì, grazie al governo continuo ed ininterrotto del Partito Democratico adesso e dei DS prima, possiamo vantare ben due inceneritori funzionanti 24 ore al giorno e che potrebbero danneggiare gravemente la salute di tutti i cittadini forlivesi e l’ambiente” prosegue Morrone.

“Mi appello - aggiunge - all’intelligenza della giovane Segretaria Ancarani e gli ricordo che Hera, dopo il semaforo verde della conferenza dei servizi e la conversione dell’impianto di Coriano in R1, ha licenza di bruciare a tutto spiano ciò che vuole Tutte le altre sono chiacchiere da Festa dell’Unità”. Morrone interviene anche sul nome del possibile assessore che andrà a rimpiazzare Bellini – “spero che il Sindaco Drei non debba attendere il nominativo direttamente da Bologna nel timore della Regione Emilia Romagna che venga nominato qualcuno che pensi davvero al benessere dei forlivesi e non avalli le politiche falsamente ambientaliste e che facilitano le multiutility leader nei servizi ambientali della Regione. Siamo stanchi e disillusi – i forlivesi hanno necessità di una amministrazione che tenga alla salute dei cittadini senza dover ubbidire a diktat del partito democratico nazionale e regionale”.

LA REPLICA - Replica Maria Maltoni , capogruppo del Pd in Consiglio Comunale: "La Lega Nord non perde occasione per polemiche strumentali che non sono rivolte a proporre soluzioni, ma solo a rendere impossibile il confronto , come nel caso indegno dell’accoglienza ai migranti. Il vicesegretario della Lega Nord Romagna, Morrone, tralascia di ricordare che su questi temi abbiamo già compiuto scelte concrete e coerenti, a partire dalla decisione nel 2009 di avviare il porta a porta per andare ad una riduzione del quantitativo di rifiuti prodotti e quindi di creare una società in house per la loro gestione, che vedrà la luce a breve. Inoltre il Consiglio Comunale di Forlì ed i consiglieri regionali del territorio, fin dalla precedente legislatura, hanno sostenuto la legge regionale sui rifiuti che punta al riuso dei materiali e alla riduzione dei costi per i cittadini con la tariffa puntuale, che in queste settimane è in via di approvazione".

Prosegue l'esponente democratico: "Per arrivare al parere negativo annunciato dal sindaco Drei, sul raddoppio dell’inceneritore privato Mengozzi. Il tema rifiuti non riguarda solo realtà virtuose come le nostre che stanno riducendo la quantità di rifiuti prodotti, ma soprattutto i territori che sono in emergenza. Ricordiamo alla Lega che il Governatore di Centro Destra della Liguria, Toti, appena eletto ha chiesto a Piemonte ed Emilia Romagna di accogliere i suoi rifiuti da bruciare, invece di tenerseli e gestirseli. Cosa che dovrà in ogni caso fare in futuro, in quanto come ha affermato il presidente Bonaccini a Forlì, sono stati accolti “una tantum” per solidarietà istituzionale. Si tratta di problemi che devono essere affrontati anche su scala nazionale, ma che devono vedere un ruolo attivo nelle scelte delle comunità locali".

Chiosa Maltoni: Per questo motivo il Pd ed i consiglieri del Partito Democratico vigileranno su tutti i passaggi che riguardano queste scelte, in stretto raccordo con gli esponenti forlivesi dei vari livelli amministrativi, regionali e nazionali. Crediamo che l’attuazione della legge regionale sui rifiuti ed il Piano Rifiuti Regionale, dati gli impegni che anche qualche giorno fa il presidente regionale Bonaccini ha ribadito proprio qui a Forlì, dovranno dare risposte di merito alle richieste avanzate dagli amministratori e dai cittadini forlivesi, per premiare e non penalizzare i comportamenti virtuosi del nostro territorio in materia di rifiuti. Infine nella scelta del successore di Alberto Bellini (che avremmo voluto continuasse nella sua opera di amministratore) il sindaco agirà in autonomia come sempre ha fatto fin qui. E siamo certi che , come ha riaffermato più volte Davide Drei, gli indirizzi politici in materia ambientali e di rifiuti non cambieranno, perciò la persona prescelta necessariamente dovrà interpretare questa volontà politica espressa in primis dagli elettori forlivesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inceneritore, Morrone attacca il Pd: "Tra un po' diranno che fa bene alla salute..."

ForlìToday è in caricamento