Nuovo decreto, Di Maio: "Si permetta alle palestre che sono in regola di lavorare"

"Non possiamo che esprimere preoccupazione anche per la volontà di intervenire in modo massiccio sulle palestre"

"Il rialzo dei contagi preoccupa tutti, ma bisogna far tesoro dell'esperienza dei mesi passati e tener presente che una chiusura generalizzata delle attività o di una parte di essere, avrebbe effetti devastanti sull'economia e sulla vita delle nostre città. Bene che il Governo abbia già smentito la volontà di chiusura centri estetici e acconciatori, ma non possiamo che esprimere preoccupazione anche per la volontà di intervenire in modo massiccio sulle palestre". Lo afferma il parlamentare romagnolo Marco Di Maio a proposito delle ipotesi che riguardano il nuovo decreto sulle ulteriori restrizioni a cui starebbe pensando il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. 

"Si rafforzino i controlli e si sanzioni pesantemente chi non rispetta le regole - afferma -, ma non mettiamo in ginocchio piccoli imprenditori che oltre al crollo di fatturato hanno dovuto gestire anche le spese aggiuntive per la sanificazione degli ambienti, l'adeguamento alle norme anti-Covid e la revisione degli spazi. Vale per tutte le attività: chi si è adeguato, chi ha speso soldi, chi è ripartito in sicurezza e nel rispetto delle norme, deve poter continuare a lavorare. Chi sbaglia e mette a rischio la propria salute e, soprattutto, quella degli altri deve essere punito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La risposta che va data alla seconda ondata di contagi non è la chiusura, ma la convivenza intelligente col virus - sostiene Marco Di Maio -: più tamponi, più controlli, più vaccini antinfluenzali, più personale dedicato, spazi alternativi dove assicurare ai positivi di svolgere il periodo di quarantena lontani da casa e in sicurezza, investimenti per garantire che le prestazioni sanitarie ordinarie continuino ad essere erogate. E insisto: prendiamo i soldi del Mes, ci servono come il pane e se anzichè le inutili polemiche e tentennamenti dei mesi scorsi avessimo preso quelle risorse, probabilmente oggi il Paese sarebbe meglio attrezzato. Siamo ancora in tempo: non sprechiamo questa opportunità". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Forlì spiccherà il volo verso Spagna, Germania e Ungheria: ufficializzata la terza compagnia

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

  • Coronavirus, contagi in aumento. Bonaccini non esclude una stretta sulle scuole

  • L'aeroporto di Forlì alla conquista del Mediterraneo: si allunga la lista delle compagnie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento