MotoGp, la Ducati pronta a svelare la nuova livrea. Ma la vera GP20 la si vedrà in pista a Sepang

La presentazione si terrà giovedì, riservata agli organi d'informazione, a Bologna, a Palazzo Re Enzo in Piazza Maggiore, a partire dalle 17 circa

Per conoscere al meglio la nuova moto bisognerà attendere i primi test di Sepang, in programma dal 7 al 9 febbraio. Nel frattempo la Ducati svelerà giovedì la nuova livrea che caratterizzerà la Ducati Desmosedici GP20. La presentazione si terrà giovedì, riservata agli organi d'informazione, a Bologna, a Palazzo Re Enzo in Piazza Maggiore, a partire dalle 17 circa. Poi seguirà l'incontro con gli ospiti Ducati alla presenza dello staff del team di Borgo Panigale e dei piloti Andrea Dovizioso, Danilo Petrucci e del collaudatore Michele Pirro.

Il nuovo bolide, con tutte le novità del caso, scenderà in pista nei primi test a Sepang. Inizierà così un intenso programma di lavoro verso l'inizio della nuova stagione, che inizierà nel weekend dell'8 marzo col Gran Premio del Qatar in notturna sul tracciato di Losail. Quella del 2020 sarà per Dovizioso la settima stagione con la Ducati, con l'obiettivo di dare l'assalto al titolo mondiale dopo aver ottenuto il secondo posto nella classifica piloti per tre anni consecutivi. "Dopo gli ultimi due buoni anni, penso che siamo arrivati ​​a un momento critico - ha dichiarato il forlivese in una recente intervista a Crash.net -. Tanto più con i progressi degli avversari. Abbiamo bisogno di una strategia per il futuro".

In un'intervista rilasciata a dicembre a ForlìToday, Dovizioso ha evidenziato il duro lavoro che si sta svolgendo a Borgo Panigale. "Non molliamo, ci stiamo provando in tutti i modi per battere Marquez - sono state le parole del forlivese rilasciate in occasione della cerimonia nel corso della quale l'amministrazione comunale l'ha nominato "Ambasciatore dello Sport Città di Forlì" -. In Ducati stanno lavorando forte e tutti i giorni. La pausa invernale sarà molto importante per trovare evoluzioni da portare nei primi test di febbraio ed arrivarci più pronti possibili. Non si può però sapere come andrà la stagione nuova, perchè ogni anno è a sè. Niente è impossibile nel mondo dello sport".

VIDEO - A tu per tu con Andrea Dovizioso, il campione di Forlì

Il forlivese ha indicato quale è il principale step da raggiungere: "Dobbiamo cercare di migliorare la moto a centro curva. Negli ultimi anni siamo diventati molto forti in accelerazione, potenza in rettilineo e gestione delle gomme Michelin. Ma a centro curva ci manca ancora qualcosa. E quello il fattore che ci può dare la possibilità di giocarcerla". Negli ultimi test invernali sono state provate diverse novità: "Il riscontro è stato positivo. Non abbiamo trovato lati negativi ed è un bell'aspetto. Ci sono stati miglioramenti, ma non ancora sufficienti. Comunque c'è la base per altri step in avanti. Abbiamo dato feedback agli ingegneri. Aspettiamo cosa arriverà a febbraio".

VIDEO - Andrea Dovizioso diventa "Ambasciatore dello Sport città di Forlì"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento