menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anche i centri sociali per anziani vogliono riaprire: incontro in Comune su come fare

Le associazioni che hanno in gestione questi centri dovranno privilegiare lo svolgimento di attività all’aperto, riorganizzare i locali per assicurare il distanziamento sociale, pulire e disinfettare gli spazi

Si è svolta mercoledì una riunione organizzativa per fare il punto sulle modalità di riapertura dei centri ricreativi per anziani del comprensorio forlivese, alla presenza dell’Auser, di Rete Magica, delle associazioni di gestione dei sei centri ricreativi per anziani e dell’assessore al Welfare Rosaria Tassinari. “A spiegare nel dettaglio i contenuti e le misure di sicurezza del protocollo regionale sulla gestione e la riapertura di questi importanti punti di riferimento per i nostri anziani, c’era Roberto Bandini dell’Igiene pubblica che ha ribadito la valenza socio-ricreativa di queste realtà e risposto alle domande dei tantissimi gestori presenti all’incontro", spiega Tassinari. "Quello che vogliamo fare è riaprire in sicurezza, tutelando la salute di operatori, utenti e volontari. Per farlo, le associazioni che hanno in gestione questi centri dovranno privilegiare lo svolgimento di attività all’aperto, riorganizzare i locali per assicurare il distanziamento sociale, pulire e disinfettare gli spazi comuni, garantire una corretta e sicura somministrazione di cibi e bevande e rivedere la fruizione di alcune attività. Ad ogni gestore è concessa piena autonomia temporale in termini di riapertura. Non abbiamo inteso imporre alcun obbligo in tal senso perché alcune realtà, specialmente quelle meno strutturate, non sono in grado di garantire standard elevati di sicurezza e hanno già deciso di non riaprire per i mesi estivi”.

“In ogni caso, proprio per venire incontro il più possibile a queste associazioni e favorire la ripartenza dei nostri circoli, il Comune fornirà gratuitamente gel igienizzanti e dispositivi di protezione individuale, mentre l’igienica pubblica si farà carico dei tamponi per tutto il personale in servizio. Come ha ribadito Bandini – conclude l'assessore Tassinari – la riapertura dei centri sociali è molto più che auspicabile. I nostri anziani hanno bisogno di ritrovare quei momenti aggregativi e di socializzazione a cui hanno dovuto rinunciare durante il Covid. La necessità è farlo in sicurezza.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento