menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il gesto di cuore, due esercenti regalano 30 spese per chi ha bisogno: "I furbetti stiano a casa"

L'iniziativa di solidarietà è stata organizzata da Gabriele Generale e Vincenzo Manzo, del negozio "Bufala Bistrot" di Corso della Repubblica

"Sabato 25 aprile chi ha necessità venga a ritirare un sacchetto. Troverà all'interno beni alimentari". L'iniziativa di solidarietà è stata organizzata da Gabriele Generale e Vincenzo Manzo, del negozio "Bufala Bistrot" di Corso della Repubblica. "Abbiamo raccolto dei fondi e abbiamo fatto la spesa per 30-35 persone - spiega l'esercente -. Il nostro sacchetto contiene un litro di olio di oliva, un chilo di farina, tre uova, una busta di formaggio grattugiato, un chilo di pennette, un chilo di spaghetti, 500 grammi di farfalle, 500 grammi di mezze maniche , due scatole di fagioli borlotti, due scatole di lenticchie, due confezioni di polpa di pomodori, due passate di pomodoro da un litro, quattro dadi star, un pacco di brioscine, un litro di latte intero, una scatoletta di tonno e un pezzo di pane".

"Per le famiglie che hanno dei bimbi verrà aggiunto succo di frutta, mentre per chi ha dei neonati abbiamo preso 15 barattolini omogenizzati al manzo, 15 barattolini omogenizzati al vitello, pastina e confezioni merenda", aggiunge. "Ci mettiamo la faccia e il cuore - racconta Generale in un video pubblicato sulla pagina Facebook dell'attività -. Tutti abbiamo attraversato dei momenti difficili e noi di "Bufala Bistrot" abbiamo deciso di fare questa iniziativa col cuore. All'interno dei sacchetti si troveranno quindi delle cose fondamentali. Quindi chi ha bisogno non deve vergognarsi e può passare in negozio". Poi un avviso ai "furbetti": "Restino a casa".

Gli fa eco Enzo: "Ci teniamo a dare una mano a chi sta attraversando una difficoltà che non si aspettava potesse accadere. Siamo consapevoli che una trentina di spese non possono bastare per chi ha effettivamente bisogno, ma lo facciamo con il cuore. E anche noi in passato abbiamo avuto bisogno di aiuto. Il 25 aprile apriremo le porte a chi ha bisogno. Ci sentiamo il dovere di farlo".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento