Cronaca

Giornata della Carità, la Caritas diocesana cerca volontari: "Le necessità sono tante"

Il direttore Caritas Filippo Monari lancia un appello per nuovi volontari all’Emporio della Solidarietà, alla Casa Buon Pastore e alla Casa Betania presso la parrocchia di Santa Maria del Fiore

Sarà monsignor Giorgio Biguzzi a celebrare, domenica, alle 11.15, nella chiesa di S. Pietro in Vincoli, la messa diocesana per la Giornata della Carità. Il vescovo emerito di Makeni, saveriano, presiederà la liturgia eucaristica in sostituzione del vescovo di Forlì-Bertinoro mons. Livio Corazza, che è in isolamento domiciliare precauzionale per aver incontrato nei giorni scorsi alcune persone risultate positive. La scelta della parrocchia di San Pietro in Vincoli, che è a tutti gli effetti parte integrante della diocesi forlivese, è motivata dal desiderio di far conoscere una realtà caritativa molto viva, che in questo anno ha raddoppiato il servizio alle famiglie: da trenta che erano i nuclei seguiti sono passati a sessanta.

“Per vivere al meglio il tempo di Quaresima - afferma il direttore della Caritas diocesana, Filippo Monari - desideriamo condividere alcune indicazioni per affrontare le molte fragilità, solitudini e povertà che stiamo registrando in questi giorni, dove ancora viene messa a dura prova la resilienza di tutti noi”. Monari lancia pertanto un appello per nuovi volontari all’Emporio della Solidarietà, alla Casa Buon Pastore e alla Casa Betania presso la parrocchia di Santa Maria del Fiore, ossia le tre opere “segno” della Caritas locale. “All’Emporio – precisa – servono volontari in aiuto al punto distribuzione, altri al magazzino e stiamo cercando anche un paio di autisti. Per la Casa Buon Pastore servono volontari per il servizio mensa e infine presso Casa Betania per il dormitorio di prima accoglienza dalle 20.30 alle 22.30”.

Oltre che a San Pietro in Vincoli, la Giornata della Carità sarà vissuta nelle varie chiese diocesane. “Abbiamo proposto ai parroci di parlare di carità testimoniata alle proprie comunità, in modo da comunicare quanto di buono e di bello stiamo vivendo in questo momento così difficile”. Alle singole realtà ecclesiali è stato chiesto anche di attivarsi per raccolte di generi alimentari e prodotti per l’igiene personale, da utilizzare presso i Centri di ascolto. Continua, inoltre, la raccolta di offerte per la Bosnia: il Comitato per la lotta contro la fame nel mondo e l’associazione Stay Human stanno infatti allestendo un camion che partirà nei prossimi giorni per Corinto, in Grecia, in aiuto ad un altro campo profughi che accoglie 1.000 persone (250 bambini e adolescenti, 300 donne e 450 uomini) della rotta balcanica.

“Finora abbiamo ricevuto 11.000 euro, ma le necessità sono veramente tante: il campo che stiamo seguendo in Bosnia conta 1.800 pasti al giorno. Si raccolgono offerte in denaro perché non si possono conferire aiuti concreti ed è necessario comprare in loco il materiale necessario”. Si sta infine avviando la progettazione 2021 del microcosmo della Caritas diocesana di Forlì-Bertinoro, che si orienterà su tre ambiti: educare, abitare e territorio. Le offerte raccolte dalla Caritas diocesana in questo tempo serviranno ad alimentare il “Fondo di solidarietà”. caritas-forli-bertinoro-raccolta-fondi-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata della Carità, la Caritas diocesana cerca volontari: "Le necessità sono tante"

ForlìToday è in caricamento